21/03/2017 08:26:57 - Avetrana - AttualitÓ

AVETRANA ľ Gli studenti di Avetrana incontrano nel pomeriggio una operatrice della ╔cole Universitaire Internationale di Roma e un'avvocatessa: si parlerÓ di droga dello stupro






Il tema al centro dl dibattito è di forte attualità: l’insidia più pericolosa per i ragazzi di oggi, una droga che addormenta il sistema nervoso e provoca la perdita di memoria.

Una volta si raccomandava ai ragazzi di non accettare caramelle dagli sconosciuti; oggi l’avvertimento vale anche e soprattutto per le bevande. Si sta sempre più diffondendo, infatti, l’uso di una droga che stordisce i malcapitati, che sono poi alla mercè dei malintenzionati.
In discoteca, ad un party, al bar, gli episodi sono ormai frequenti: una conoscenza interessante, una chiacchierata simpatica, si comincia col prendere confidenza, si beve qualcosa, si va a terminare la serata in un altro posto. Sembrerebbe la cosa più naturale del mondo, ma c’è una nuova insidia, perfida e nascosta oltre che pericolosa: questa sostanza, liquid ecstasy, GHB o GBL.
E’ inodore rapida ed efficace. Si scioglie con facilità in una bibita, in un drink, in un caffé. È molto diffusa in discoteca ed, essendo inodore e incolore, è difficile che qualcuno si accorga di averla assunta. L’amnesia è l’effetto più eclatante, per questo la si utilizza.
Pochi minuti dopo l’assunzione, il dramma: la bevanda produce un calo dei freni inibitori, addormenta cioè letteralmente il sistema nervoso e provoca la perdita di memoria.
Il soggetto è completamente alla mercé del suo interlocutore, che lo indurrà a fare tutto ciò che gli viene richiesto. Ciò consente ai malintenzionati di poter derubare la vittima o, nel caso di una ragazza, spesso e volentieri di giovane età, di essere vittima di abusi. Senza che la vittima possa riconoscere o denunciare, data la presenza di un’amnesia.
Al risveglio, la vittima non ricorda più nulla. In testa ha solo vaghe e confuse immagini che sembrano assomigliare più ad un sogno che ad un fatto realmente accaduto.
A parlarne saranno, nel pomeriggio (alle 16), due operatrici dell’Ecole Universitaire Internazionale di Roma, l’istituto che rappresenta l’Italia nella campagna mondiale di sensibilizzazione e ricerca “Start by believing”, promossa dal governo degli Stati Uniti. Hanno ricevuto una menzione d’onore in un convegno che si è svolto nella scorsa primavera a Washington per il lavoro eseguito sulla droga dello stupro. Ritorneranno ad Orlando nel 2017 per partecipare ad un nuovo forum al quale interverranno tutti gli esperti mondiali. I loro nomi: Monica Zanzarella, di San Marzano, criminologa e ricercatrice in droga dello stupro, e Antonietta Saracino, avvocato del Foro di Brindisi.
I ragazzi avranno così modo di ascoltare consigli significativi che consentono loro di apprendere il concreto prendersi cura di se stessi e degli altri e favoriscono forme di cooperazione e solidarietà.










Foto e Testi © ManduriaOggi, vietata ogni riproduzione anche parziale.

Segnala questo articolo ad un amico

 





CUCINA D’ASPORTO E CATERING CON
CONSEGNA A DOMICILIO

MENU GIOVEDI' 19 LUGLIO

RISO PATATE E COZZE

RAVIOLI AL RAGU'

ORECCHIETTE AL PRIMITIVO

LASAGNA EMILIANA

PARMIGIANA

INSALATA DI PASTA

INSALATA DI RISO

ZUCCHINE RIPIENE

RISO NERO VENERE CON GAMBERETTI E POMODORINI

INSALATA DI POLPO CON PATATE

FILETTI DI PLATESSA GRATINATI

CAPOCOLLO GRATINATO

STRACCETTI DI VITELLO ALLA PIZZAIOLA

POLPETTONI PICCOLI FRITTI

SCHIACCIATINE ALLA CREMA DI FUNGHI

SCALOPPINE AI FUNGHI

COTOLETTE DI POLLO

PEPERONI ARROSTO

FAGIOLINI TONNO E UOVA LESSE

BIETOLE LESSE

ZUCCHINE MELANZANE E PEPERONI

FRITTATA DI ASPARAGI

VIA I Maggio, 4 Manduria 
Tel. 099-4001129   329-6722306

 




Ricerca