12/10/2017 08:04:26 - Salento - Politica

LECCE - Il Tar reintegra i consiglieri di centrodestra: ora Salvemini č senza maggioranza






I giudici amministrativi hanno annullato il verbale di proclamazione degli eletti disponendo l’immediato reintegro in Consiglio comunale dei consiglieri esclusi

 

I giudici della sezione di Lecce del Tar di Puglia - presidente Antonio Pasca - hanno accolto il ricorso presentato da sei esponenti del centrodestra (Angelo Tondo e Attilio Monosi di Direzione Italia, Paola Gigante e Laura Calò della lista 'Grande Leccè, Giorgio Pala e Federica De Benedetto di Forza Italia), inizialmente estromessi dalla composizione del Consiglio comunale di Lecce in virtù dell’assegnazione alle ultime amministrative, da parte dell’ufficio elettorale, del premio di maggioranza alla coalizione di centrosinistra che sostiene il sindaco Salvemini.

Tra i ricorrenti figura anche il parlamentare di Direzione Italia Roberto Marti, in qualità di cittadino. I giudici amministrativi hanno annullato il verbale di proclamazione degli eletti disponendo l’immediato reintegro in consiglio comunale dei consiglieri esclusi.

Oggi saranno rese note le motivazioni del dispositivo, che di fatto rappresenta un 'ribaltonè, con il sindaco eletto di centrosinistra, Carlo Salvemini, che non può più contare su una maggioranza in Consiglio.

IL SINDACO: PRENDO ATTO LECCE - «Apprendo che il Tar ha accolto il ricorso avverso l’assegnazione del premio di maggioranza come deciso dalla Commissione Elettorale. È una decisione che naturalmente consideravo possibile - data la complessità di una questione sulla quale si sono misurati avvocati e costituzionalisti - e della quale prendo atto in attesa delle motivazioni della decisione del giudice amministrativo. Che - lo rammento - non mette in discussione la mia elezione ma la composizione del Consiglio comunale. Motivo per il quale non mi sono costituito in giudizio». Così il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, commenta la decisione del Tar di accogliere il ricorso dei consiglieri del centrodestra esclusi inizialmente dall’assise comunale.

«Ora i legali insieme ai consiglieri - prosegue il sindaco - valuteranno i passi successivi. Da parte mia attendo gli eventi e continuo a lavorare per il bene della città. Come deciso dai leccesi, che mi hanno scelto come loro sindaco». 
«I giorni che verranno - aggiunge Salvemini - chiariranno il contesto politico nel quale l’amministrazione che presiedo dovrà misurarsi. E quelle che saranno le scelte e le decisioni più sagge ed utili da prendere nell’interesse della comunità. Non sono sfiduciato o avvilito. Mi sento sempre impegnato a fare bene il mio dovere. Fino a quando valuterò che questo sarà possibile. Andiamo avanti».

VICESINDACO - «Accogliamo la decisione del Tar, alla quale daremo seguito con un ricorso in appello al Consiglio di Stato, con la certezza che questa decisione - della quale non è ancora disponibile la sentenza con le relative motivazioni, ma solo il dispositivo - non indebolisce il senso di responsabilità nei confronti di tutti i nostri concittadini, di quel 55% di leccesi che ha creduto e crede nel nostro progetto di città e di coloro che dal 25 giugno in poi a quel progetto si sono appassionati». Lo dichiara in una nota il vicesindaco di Lecce, Alessandro Dellinoci, riferendosi alla sentenza del Tar che ha reintegrato i consiglieri del centrodestra inizialmente esclusi dal consiglio comunale di Lecce.

«Continueremo a lavorare uniti - prosegue Dellinoci - forti delle nostre idee, del supporto e delle sollecitazioni degli uomini e delle donne che ogni giorno ci chiedono di rendere questa città una città di tutti e per tutti. Ci auguriamo che lo stesso senso di responsabilità che sentiamo forte appartenga anche all’opposizione e che si continui a lavorare per il benessere della nostra comunità, senza ostacolare in modo preconcetto le attività del consiglio comunale e delle commissioni».

«Chiediamo ai leccesi - conclude il vicesindaco - di continuare a sollecitarci, a spronarci perché, sebbene in tre mesi tante cose sono cambiate, la strada verso il cambiamento, appena iniziata, è ancora lunga».









Foto e Testi © ManduriaOggi, vietata ogni riproduzione anche parziale.

Segnala questo articolo ad un amico

 





CUCINA D’ASPORTO E CATERING CON
CONSEGNA A DOMICILIO

MENU DI VENERDI' 20 OTTOBRE

RISOTTO ALLA PESCATORA

CALAMARATA E CALAMARI

PARMIGIANA

PENNE ALL'AMATRICIANA

LASAGNA EMILIANA

INSALATA DI PASTA

FARRO TONNO POMODORINI E RUCOLA

INSALATA DI RISO

INSALATA DI POLPO CON PATATE E POMODORINI

FRITTURA DI CALAMARI

BACCALA' FRITTO

PESCE SPADA GRATINATO

SCALOPPINE DI FILETTI DI ORATA AL LIMONE

BOMBETTE ALLA PIZZAIOLA

COSCE DI POLLO AL FORNO

TRIPPA CON PATATE

COTOLETTE DI POLLO

PEPERONI ALLA PIZZAIOLA

FINOCCHI GRATINATI

MELANZANE E ZUCCHINE GRIGLIATE

CICORIE LESSE

BIETOLE LESSE

RAPE STUFATE

VIA I Maggio, 4 Manduria 
Tel. 099-4001129   329-6722306

 




Ricerca