14/04/2018 19:06:25 - Salento - Attualitą

Un successo l'anteprima nazionale del film-documentario sulla vita del Colonnello del Ruolo d'Onore Carlo Calcagni






Ecco alcune foto della serata

 

Una vita da protagonista quella di Carlo Calcagni che finalmente qualcuno ha voluto portare sul grande schermo all’attenzione di molti. Quel qualcuno è il regista Michelangelo Gratton, 53 anni, che ha scelto Trevignano, dove vive, come vetrina per l’anteprima nazionale de “Io sono il Colonnello”, il film-documentario che racconta le straordinarie vicende di Calcagni, colpito da contaminazione da metalli pesanti durante una missione di peacekeeping nei Balcani negli anni ’90.

“Il Colonnello” arriva al cinema Palma in uniforme, la tonnellata di farmaci che deve prendere ogni giorno (circa 300 compresse!) non gli impediscono di essere elegante e di sembrare in forma, quasi piu’ giovane dei suoi 50 anni, se non fosse per le cannule che gli escono dalle narici. Lo accompagnano il regista e l’operatore che l’hanno seguito tre mesi per le riprese nel Salento, dove abita, e a Caposile, in Veneto, per le riprese con l’elicottero. Lo accoglie Claudia Maciucchi, il sindaco di Trevignano e tra gli ospiti d’onore ufficiali delle Tre Armi, essendo il film realizzato con la collaborazione del Ministero della Difesa.

Ma riepiloghiamo, sia pur per sommi capi, la vita di Calcagni: militare, paracadutista, pilota elicotterista, nel 1996 è in missione a Sarajevo: è lui che si deve occupare dell’evacuazione medico-sanitaria dei feriti dai bombardamenti ed è qui che resta contaminato da nanoparticelle di metalli pesanti che sono state generate dai massicci bombardamenti e dalle esplosioni che gli alleati avevano effettuato per 77 giorni subito prima dell’intervento della Forza Multinazionale di Pace, di cui faceva parte il primo Contingente Italiano di circa 3000 uomini ,con un solo pilota di elicotteri, Calcagni appunto, che addetto al servizio MEDEVAC (EVACUAZIONI MEDICO-SANITARIE) ha svolto il più NOBILE dei servizi alla collettività: SALVARE VITE UMANE.

Lo scopre solo anni dopo, quando, rientrato a Viterbo, dove si è sposato e lavora come pilota istruttore, si manifestano gravi patologie multiorgano, fino alla diagnosi di NECESSITÀ URGENTE DI TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO, per poi sviluppare la MCS “Sensibilità Chimica Multipla”, malattia degenerativa irreversibile con la quale convive ormai da 16 anni e che lo costringe a prendere dosi massicce di farmaci, sottoporsi a camera iperbarica, flebo, iniezioni, e una POLINEUROPATIA CRONICA, DEGENERATIVA ED IRREVERSIBILE con PARKINSON.

Eppure Calcagni non si arrende, appassionato ciclista da sempre, e’ proprio la bicicletta che gli segnala che qualcosa non va nel suo fisico nel 2002: ci sono particelle tossiche nel suo fegato. Inizia il calvario del Colonnello, ma e’ sempre il ciclismo che lo aiuta a resistere. “La mia macchina di salvezza” la definisce. Il mattino esce dalla sua casa nel Salento, sale sul suo “triciclo volante”, come lo definisce lui, e macina chilometri su chilometri. Nel 2010 entra a far parte del Corpo degli Atleti Paralimpici e vince due medaglie d’oro in Coppa del Mondo di paraciclismo e altre due, sempre d’oro, agli Invictus Games di Orlando, in Florida, nel 2016, i Giochi ideati dal principe Harry della famiglia reale britannica.

Il regista Gratton resta affascinato da quest’uomo tanto da voler girare a tutti i costi questo film-documentario, presentato oggi a Trevignano. “La storia di Carlo e’ quella che piu’ di tutte mi e’ rimasta nel cuore per il suo straordinario valore umano e la sua impareggiabile forza interiore…” ha dichiarato tempo fa. Calcagni, per le riprese, è dovuto tornare ai comandi di un elicottero, dopo 15 anni, grazie anche alla collaborazione di WeFly! Team, la pattuglia aerea di piloti disabili.

Un successo, insomma, l’anteprima nazionale del film-documentario sulla vita del Colonnello del Ruolo d’Onore dell’Esercito Italiano Carlo Calcagni, apprezzato anche da Piero Angela e da Bruno Vespa presenti tra il pubblico.

(ripreso da tusciatimes.eu - Foto: Flavio di Properzio)

 

 

 

 

 










Foto e Testi © ManduriaOggi, vietata ogni riproduzione anche parziale.

Segnala questo articolo ad un amico

 





CUCINA D’ASPORTO E CATERING CON
CONSEGNA A DOMICILIO

MENU DI LUNEDI' 23 APRILE

ORECCHIETTE CON  LE RAPE

RISOTTO ASPARAGI E SPECK

CALAMARATA CON GAMBERETTI E ZAFFERANO

LASAGNA

PARMIGIANA

PUREA DI FAVE

INSALATA DI PASTA

RISO NERO VENERE CON POLPO E MAIS

FILETTI DI PLATESSA GRATINATI

ROLLE' DI TACCHINO

SCHIACCIATINE DI CARNE

STRACCETTI DI SUINO ALLA PIZZAIOLA

POLPETTE AL SUGO

COTOLETTE DI POLLO

FUNGHI PANATI E FRITTI

RAPE STUFATE

FUNGHI TRIFOLATI

PUNTARELLE LESSE

PATATE PREZZEMOLATE

BIETOLE LESSE

FRITTATA DI SPINACI

VIA I Maggio, 4 Manduria 
Tel. 099-4001129   329-6722306

 




Ricerca