04/01/2010 19.47.00 - Avetrana - Attualitą

AVETRANA - I vari significati della classica tombolata di inizio anno dell'associazione Age di Avetrana




Quando l’impegno si chiama Age

Italiani, popolo di Santi, Poeti e Navigatori, ed......esperti di tombola! 
Tombola giunta come da copione, con un tempismo da guinness world records a Natale, per animare tavolate in festa. E’ ormai cosa nota che se Minnie sta a Topolino, Cip sta a Ciop, l’Italia alla pizza, ogni Dna ai suoi geni, l’A.Ge di Avetrana sta anche per quest’anno alla sua Tombolata versione famiglia, giunta alla sua quarta edizione e svoltasi sabato 2 gennaio dalle 18,30 in poi, presso la sala gialla dell’Amministrazione Comunale del paesino posto all’estrema frontiera della provincia tarantina.

L’iniziativa, peraltro seguitissima da tutta la cittadinanza, ha registrato un nuovo successo di pubblico sia per il considerevole coinvolgimento della Giunta Comunale, sia dei commercianti cui spetta il riconoscimento della generosità mostrata nell’elargire doni già appetibili nella confezione quanto nel contenuto, sia per la tenacia della sua presidente, sugnora Anna Maria Leobono, show girl per caso della serata, impegnata sul triplice fronte dell’accoglienza, dell’animazione e nel fare girare le biglie, tanto per usare un linguaggio appropriato, che ha
confezionato un serata DOC e non nuova ad iniziative a favore della famiglia, ed a sostegno della donna in particolare, coinvolta in modo attivo nella vita associativa, sradicandola così da un modus vivendi tipico delle nostre parti, tradizionalmente legato ad uno stereotipo femminile tutta casa e cera da pavimenti. Sua anche la scelta di avviare agli studi un gruppo di signore di Avetrana, giovani di spirito e di intelletto, nonostante la media le voglia sopra gli anta, vanto degli insegnanti, capaci di fare le scarpe in quanto a spirito di apprendimento a giovani pischelli svogliati croce e non delizia di molti docenti, caschi blu nell’affrontare le lotte quotidiane delle ore curriculari e disposti ben volentieri a confrontarsi con queste casalinghe tutt’altro che disperate.
Ultimo, ma non per questo meno importante, il contributo dei soci, anello di congiunzione di una catena di montaggio perfettamente funzionante in cui ciascuno si è prodigato come poteva garantendo ad esempio un bagno galvanico nei popcorn o nelle focaccine che ha certamente riempito di gioia i presenti, soprattutto i bambini, oltre che ai loro stomaci.
L’A.Ge di Avetrana, vaso sanguigno a dimensione locale portatore sano di idee nuove per la famiglia di un apparato circolatorio di portata nazionale che dal 1968 è attivo in tutta Italia, eredita ed orienta progetti a sostegno di politiche sane di sviluppo e crescita familiare, ponendo i genitori nella condizione di diventare essi stessi i protagonisti della loro formazione umana ed etica di cui i principali destinatari sono i figli.
Da qui la necessità di mostrarsi parte attiva nella vita della scuola, oltre che tra le mura domestiche per dare al mondo la certezza di anime sensibile e rispettose dei valori di sempre, Testimonianza diretta l’esperienza appena trascorsa della serata del 2 gennaio, interamente dedicata alla famiglia, rarità nella rarità nel campo dei rapporti duraturi, che ha messo a confronto tutte le generazioni con la semplicità di chi crede che valga la pena impegnarsi in tal senso e con una sicura benedizione di San Pio posto come un Caronte dantesco a guardia
della piazza che gli è dedicata, che per una sera ha dovuto rinunciare alla sua tranquillità per far posto ad una movida tutta natalizia autorizzata ad oltranza a dare i numeri.
E tra ambi, terne e quaterne, cinquine e tomboloni  che hanno regalato qualche certezza in più agli intervenuti, si è consumata una tranquilla serata di provincia all’insegna della tradizione tra la contentezza di tutti e la soddisfazione degli organizzatori che hanno raccolto il frutto del loro lungo e faticoso impegno.
Ad maiora.

Mimmo Palummieri

Condividi su Facebook 



Foto e Testi © ManduriaOggi, vietata ogni riproduzione anche parziale.

Segnala questo articolo ad un amico