mercoledì 17 agosto 2022

09/03/2012 07:12:00 - Provincia di Taranto - Politica

«Taranto - ha sottolineato ieri Bonelli - è la città simbolo dell’inquinamento, una città che per troppo tempo è stata dimenticata dalla politica»

 
Il segretario nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Taranto aderendo alla richiesta avanzata da alcune associazioni ambientaliste che fanno capo a Aria pulita per Taranto (Peacelink, Donne per Taranto, Altamarea e Fondazione antidiossina onlus).
Il leader de “Il Sole che ride” già nei giorni scorsi si era occupato delle vicende legate all'inquinamento prodotto dall’Ilva e annunciato un esposto in Procura per chiedere di fare luce sull'incendio avvenuto nel reparto Tubificio dello stabilimento siderurgico. «Taranto - ha sottolineato ieri Bonelli - è la città simbolo dell’inquinamento, una città che per troppo tempo è stata dimenticata dalla politica. L'inquinamento nella città dove la diossina è entrata nella catena alimentare, dove i bambini non possono giocare nei prati o toccare la terra a mani nude, dove una perizia della Procura della Repubblica ha stabilito che, cito testualmente, l'esposizione continuata agli inquinanti dell'atmosfera emessi dall'impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell'organismo umano che si traducono in casi di malattia e di morte, è una questione che riguarda tutta l'Italia».
 
Secondo Bonelli «la situazione di grave inquinamento ambientale di Taranto è dovuta alle responsabilità sia del centrodestra che del centrosinistra. Spiace constatare che sia stata l'autorità giudiziaria attraverso le perizie epidemiologiche a fare quello che avrebbero dovuto fare le istituzioni locali. È per questa ragione - ha concluso - che la coalizione che mi ha chiesto di candidarmi a Taranto sarà un'alleanza che correrà fuori sia dal centrodestra che dal centrosinistra».






img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora