domenica 28 novembre 2021

03/07/2017 09:56:00 - Sava - Politica

Due riconfermati e tre nuovi, con due donne a dare un tocco di rosa nell’esecutivo

Due riconfermati e tre volti nuovi, con l’esecutivo che diventa più “rosa”: due donne su cinque.
La nuova giunta di Sava inizia a prendere forma. Anche se il sindaco Dario Iaia preferisce mantenere il riserbo, in attesa di far quadrare tutti i tasselli, in città circolano delle voci sulla possibile composizione della giunta Iaia-bis. Ecco le indiscrezioni che abbiamo raccolto.
DIREZIONE ITALIA – Il partito del sindaco registrerebbe la prima sorpresa. L’assessore uscente Mario Antonio Mancino, fra i più votati in assoluto, darebbe spazio, in giunta, a Roberta Friolo, la seconda degli eletti della lista con 301 voti. Se così fosse, in Consiglio Roberta Friolo sarebbe surrogata dalla prima dei non eletti, ovvero Antonella Buccoliero (136 preferenze). A quel punto la prima dei non eletti diventerebbe Sandra Sileno (133 preferenze). Secondo le voci da noi raccolte, Roberta Friolo potrebbe occuparsi di Politiche Sociali. Il gruppo consiliare sarebbe quindi composto da Mario Mancino, Gaetano Pichierri e Antonella Buccoliero.
IMPEGNO CIVICO – E’ l’altra lista che ha ottenuto tre seggi. In questo caso c’è la prima riconferma: quella di Mirko Piccolo, il più votato in assoluto (455 preferenze). Risultato che sarebbe premiato con la carica di vice sindaco e con la delega all’Ecologia e all’Ambiente. Al posto di Piccolo subentrerebbe la prima dei non eletti, ovvero Annalisa Toma (128 preferenze). Il gruppo consiliare sarebbe composto da Giuseppe Giumentaro (170 preferenze), Francesco Franco (161) e, appunto, Annalisa Toma. Il primo dei non eletti diventerebbe Cataldo Zurlo (112).
LIBERTA’ E PARTECIPAZIONE – Un’altra riconferma. E’ quella di Giuseppe Saracino (231 preferenze), che nella prossima consiliatura potrebbe occuparsi di Lavori Pubblici. Al suo posto subentrerebbe Sabrina Zingaropoli (119 preferenze). Il primo dei non eletti sarebbe Leonardo Franco (118), anche se, l’esiguo scarto di appena un voto, consiglierebbe prudenza: meglio attendere la proclamazione degli eletti e i dati ufficiali.
FRATELLI D’ITALIA – New entry con Silvio Buttazzo, che figura come primo dei non eletti (199 preferenze) e che potrebbe occuparsi di Cultura. Resterebbe consigliere Nico Gigante (240).
PROGETTO COMUNE – Altro volto nuovo e seconda donna: Verdiana Toma, prima degli eletti con 164 preferenze. Potrebbe occuparsi di Finanze. Il suo posto in Consiglio sarebbe preso da Marco Di Punzio (108). Il primo dei non eletti diventerebbe Franco Vacca (92).
GRUPPO POLITICO AUTONOMO – Il primo dei non eletti, Pasquale Calasso (assessore ai Lavori Pubblici uscente), potrebbe essere eletto presidente del Consiglio.






img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora