13/06/2018 08:37:24 - Salento - Attualità

Per una mammografia, attraverso il CUP si può attendere sino a 274 giorni; a pagamento l’attesa è di 13 giorni

 

L’attesa media per una Tac al torace è pari a 57 giorni, ma prenotando a pagamento lo stesso ospedale è in grado di effettuarla a 3 giorni. Lo dicono i dati di confronto tra prestazioni istituzionali e intra-moenia relativi alla settimana 9-13 aprile 2018: rispetto a sei mesi fa la situazione è sostanzialmente identica. Poco meno del 5% dei cittadini sceglie di rivolgersi al medico in «Alpi» (la libera professione intramuraria), e lo fa soprattutto per consultare lo specialista oncologo, gastroenterologo o ginecologo, per l’ecografia ginecologica o per altri esami strumentali che vengono raramente offerti dalle strutture private.

Le prestazioni in intra-moenia restano dunque una piccolissima parte di quelle prenotate (3.197 contro oltre 63mila nella settimana considerata), e naturalmente vengono erogate in maniera molto più rapida.

Sempre in base agli stessi dati, emerge che le maggiori differenze si registrano sulle mammografie: l’attesa media attraverso il Cup è pari a 274 giorni (per primo accesso o controllo, a prescindere dal codice di priorità), mentre è di soli 13 giorni per la prestazione erogata a pagamento. Stesso discorso per l’ecografia al seno, con una media di 284 giorni di attesa contro i 15 necessari ad effettuare lo stesso esame a pagamento. Ma ci sono anche prestazioni (la Tac all’addome inferiore) che richiedono 7 mesi di attesa, e che possono essere ottenuti a pagamento il giorno successivo.






img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora