14/08/2018 08:53:16 - Sava - Altri Sport

A Roma, l’atleta savese, tesserato per la Icos Sporting Club, ha conquistato la medaglia argento nella prova dei 200 farfalla e quella di bronzo nei 100 farfalla

Lorenzo Cavedini due volte sul podio ai campionati italiani di nuoto estivi della categoria Ragazzi.

A Roma, l’atleta savese, tesserato per la Icos Sporting Club, ha conquistato la medaglia argento nella prova dei 200 farfalla e quella di bronzo nei 100 farfalla.

Il meeting, che ha visto ai blocchi di partenza 793 atleti (473 maschi e 320 femmine), era riservato ai ragazzi nati dal 2002 al 2005. Folta la partecipazione di atleti provenienti dalla Puglia, che hanno chiuso la spedizione con un bottino ricco di 12 medaglie totali, di cui 4 ori, 3 argenti e 5 bronzi. Due di queste medaglie sono finite al collo del savese Lorenzo Cavedini, che ha confermato di far parte dell’elite nazionale della categoria Ragazzi relativamente alla specialità “farfalla”.

Il metallo più pregiato arriva dalla prova più lunga: i 200 metri. Cavedini accede alla finale con il quinto tempo di qualificazione (2’06”73), a 1”45 dal leader Gianfranco Perna. In finale, però, l’atleta savese si migliora sensibilmente (quasi 3 secondi): 2’03”82 il suo crono, che vale la medaglia d’argento. Il titolo viene vinto da Perna, atleta della società Sun Club Siracusa, con il tempo di 2’01”94. Ha completato il podio Luca Bruno (Aquatica Torino), con il tempo di 2’04”41.

Nei 100 farfalla, al contrario, Cavedini ottiene il miglior tempo nelle qualificazioni del mattino (56”41). Pur ripetendosi a quei livelli (nella finale il suo crono segna 56’42), l’atleta savese, allenato da Giuseppe Mero, si piazza al terzo posto, preceduto da Ernesto Saccardi (Team Nuoto Toscana Empoli, 55”47) e da Matteo Ritarossi (lui è classe 2003, a differenza degli avversari che sono 2002, con 55’87).

Cavedini, che qualche settimana fa ha stabilito il nuovo record regionale pugliese sui 100 stile libero con 52”52, era iscritto ad altre due gare: 100 stile, appunto, e 200 misti. In entrambe queste prove l’atleta della Icos non ha centrato la qualificazione per le rispettive finali.

«Sono contentissimo dei risultati ottenuti, anche se rimane l’amaro in bocca per non essere riuscito a dare di più» le parole di Lorenzo Cavedini al ritorno da Roma. «Ma dopo il mio stop agonistico di tre mesi a causa di una mononucleosi, riscoprire queste posizioni è per me un nuovo stimolo pensando alla ripresa totale che si avvicina».



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora