05/12/2018 09:33:04 - Avetrana - Calcio

Mignogna ha raggiunto l’accordo con il Lizzano, mentre Cappellini è vicino al Taurisano. Il prossimo allenatore dovrebbe essere Nicola Zella

 

La tempesta dopo .. la quiete.

L’Avetrana si riconcilia con la vittoria, la seconda della stagione, ottenuta prima che il mercato di riparazione autunnale entri nel vivo. Ma ieri sera è arrivato l’annuncio choc di mister Giuseppe Branà.

«Mi dimetto: non ci sono più i presupposti per andare avanti» le parole del tecnico di Nardò. «Diversi calciatori andranno via nelle prossime ore. Le ragioni? Il budget economico è stato ridimensionato. Ringrazio la società per l’opportunità che mi ha concesso in questo anno e mezzo, lo staff e i calciatori: è stata un’esperienza ricca di tante soddisfazioni. Saluto i tifosi, che hanno sostenuto sempre la squadra. Lascio dopo un successo, con la squadra che, nonostante una serie di difficoltà, ha perso solo due volte».

Non un fulmine a ciel sereno. In tribuna, domenica pomeriggio, fra i tifosi circolava la voce di un accordo raggiunto fra l’esterno Francesco Mignogna (uno degli elementi migliori) e il Lizzano, società di Promozione. Da quel che si sussurra, non dovrebbe essere l’unico a lasciare Avetrana. Capitan Cappellini, ad esempio, sembrerebbe vicino al Taurisano, altra squadra di Promozione. Diversi altri calciatori biancorossi hanno mercato e, quindi, potrebbero cedere alle lusinghe di altre società.

LA PARTITA - E’ bastato un ottimo primo tempo per piegare la resistenza del fanalino di coda Molfetta Sportiva. Un rigore, apparso abbastanza netto (per un atterramento in area subito da Mignogna), una traversa centrata su calcio di punizione dallo specialista Mignogna, due reti dell’attuale capocannoniere del campionato Ciriolo e diverse occasioni da rete non concretizzate. Questo il bilancio dei primi 45 minuti per l’Avetrana, che ha però corso un paio di pericoli importanti (in un’azione è stato superlativo Maraglino)

Andrea Ciriolo ha confermato l’ottimo momento. Nell’azione dell’1-0 si è catapultato su una conclusione di Iaia, poi corretta in rete; pochi minuti dopo ha sfruttato un assist al bacio di Ciccio Mignogna.

Nella ripresa, però, la partita ha proposto un copione differente. La Molfetta Sportiva, che a Brindisi aveva conquistato un punto, ha tentato di riaprire la partita, in questo favorita anche dal fatto che diversi calciatori locale sono sembrati svogliati, quasi avessero deciso di tirare i remi in barca. Buone le prove degli juniores di centrocampo D’Ettorre (2000) e D’Amicis (1999). La sorpresa è arrivata da Desiderato, un calciatore, ex Tricase, ingaggiato quest’estate e poi posto in naftalina. E’ stato richiamato l’altro ieri e la sua risposta è stata positiva.

La terza rete è stata realizzata da Iaia, su assist di Cappellini.



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora