08/06/2019 09:59:01 - Salento - Attualità

In due nei guai: il pescato recuperato e donato in beneficenza, multe per 5mila euro

La Guardia costiera di Otranto, nel corso di un'operazione di controllo sul territorio, ha sequestrato un quintale di tonno rosso, frutto di pesca da frodo. È accaduto a Castro: si tratta di due esemplari di tonno del peso di 100 chili che erano stati recuperati da un pescatore in maniera illecita, nelle acque antistanti il borgo.

L’uomo, infatti, è stato trovato privo di autorizzazione specifica per la cattura del tonno rosso. Oltre al verbale, anche ai sigilli dell’attrezzatura utilizzata per la pesca, un palangaro. E non è tutto. Durante le verifiche in mare, per tutelare l’ecosistema, i militari hanno anche sorpreso un altro individuo: aveva attrezzi non consentiti. Si era infatti munito di una rete “derivante” di circa 200 metri di lunghezza, nonostante le normative di settore che regolano l’impiego degli strumenti nell’attività di pesca.

La rete è stata sequestrata e il pescatore multato. Le sanzioni, complessivamente, ammontano a circa 5mila euro. Il pescato, compreso i due tonni, dopo l’ispezione del personale veterinario, è stato donato alle associazioni di beneficenza del luogo.



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora