10/08/2019 07:13:26 - Salento - Cronaca

L'uomo ha pronunciato questa frase durante un controllo dei carabinieri

 

 I carabinieri gli hanno contestato due violazioni al Codice della strada. Di tutta risposta un 66enne di San Pietro Vernotico ha iniziato a vomitare addosso ai militari dell’Arma offese di ogni tipo. È andato anche oltre. «Poi fannu buenu – ha detto – ca bu danno dieci coltellate».

Il riferimento all’accoltellamento in seguito al quale ha perso la vita, il 26 luglio scorso, a Roma, il vice brigadiere Mario Cercello Rega era – purtroppo – sin troppo chiaro.

I carabinieri della stazione di San Pietro Vernotico hanno formalizzato a carico del 66enne una denuncia alla magistratura per vilipendio delle forze armate dello Stato.

Il fatto è successo a San Pietro Vernotico. Nel corso di un servizio di controllo alla circolazione stradale una pattuglia dei carabinieri ha intimato, in via Principe Amedeo, l’alt al conducente di una Piaggio Vespa 125. Come da protocollo, i militari dell’Arma hanno chiesto al conducente della Vespa patente e documenti di circolazione della moto. A seguire gli hanno fatto notare che aveva violato due norme del Codice della Strada. Facendo il proprio dovere – è opportuno sottolinearlo – i militari dell’Arma hanno iniziato a compilare il verbale di constatazione delle violazione al Codice della strada. È stato in quel momento che il 66enne ha iniziato ad avere un atteggiamento di insofferenza verso i militi, che è poi sfociato in quell’affermazione quanto mai inopportuna. I militari dell’Arma sono stati bravi a mantenere il sangue freddo e, ultimata la compilazione del verbale, hanno informato il 66enne che la sua “perfomance” gli avrebbe comportato una denuncia alla magistratura.



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora