08/09/2019 19:45:31 - Manduria - Calcio

Le ali Sanyang e Kunde fanno volare la squadra di mister Franco. Le recriminazioni del Manduria, che però delude nella ripresa

 

AVETRANA-MANDURIA 1-0

AVETRANA: Di Giacomo, Maggio, Lecce; Martella, Angelè, Butterworth; Kunde, Allegrini (s.t. 12’ Macchia), Minelli (s.t. 29’  Toumi), Galeano (s.t. 15’ Protopapa), Sanyang. All.. Franco. A disp.: Tolardo, Fiscini, Caputo, Di Summa, Greco, Calò.

MANDURIA: Anastasia, Scatigna, Coccioli; Napolitano, Calò, Danese; Riezzo, Arcadio, Birtolo (s.t. 10’ Zaccaria), Colluto (s.t. 29’ Erario), Conte (s.t. 32’ Cardellicchio). All.: Cosma. A disp.: De Marco, Doro, Stanzione, Montervino, Perrucci, Gallone.

ARBITRO: Epicoco di Brindisi.

RETE: 10’ Kunde.

NOTE: espulso al 42’ del s.t. Coccioli (M) per doppia ammonizione; angoli 7-3 per il Manduria; ammoniti Angelè, Allegrini, Minelli e Sanyang (A); Arcadio e Calò (M).

AVETRANA – Le due ali fanno volare l’Avetrana.

La squadra allenata da mister Franco, esordiente in Promozione, trova lungo le corsie esterne il propellente necessario per mettere k.o. il Manduria. Kunde a destra e Sanyang a sinistra sembrano indiavolati. I loro scatti sono degni degli sprinter puri: seminano gli avversari e si rendono pericolosi. Proprio da una percussione di Sanyang (elemento che potrebbe ben figurare almeno in Eccellenza), nasce la rete decisiva al 10’ del primo tempo: il suo tiro è deviato da Anastasia, sulla sfera si avventa Kunde, che appoggia senza difficoltà in rete.

Eppure il Manduria era partito bene. Riezzo, prima in velocità e poi su punizione, ha tentato di inquadrare la porta. Al 10’ la rete dello 0-1. Gli ospiti incassano il colpo, ma riordinano le idee e, in particolare nella seconda metà del primo tempo, cercano il pareggio, che al 23’ sembra cosa fatta: su azione di calcio d’angolo, Danese colpisce di testa e Minelli, a portiere battuto, salva sulla linea. Poi le recriminazioni dei biancoverdi nei riguardi della terna arbitrale. Al 33’ Coccioli, dalla linea di metà campo, lancia la sfera in area. Il portiere di casa Di Giacomo sembra uscire senza difficoltà, ma la palla rimbalza davanti all’estremo difensore e lo sorprende, rotolando in fondo al sacco. L’assistente di linea segnale un estremamente dubbio fuorigioco di Riezzo, il quale si limita a controllare la traiettoria del pallone, senza disturbare l’estremo difensore.

Al 40’ altra decisione contestata dagli ospiti. Su calcio di punizione di Riezzo, Danese svetta in area e insacca. Ma il guardialinee segnala l’off side, benché sulla linea di porta dell’Avetrana (a coprire il palo) ci fosse, oltre al portiere, anche un difensore.

Al 43’ si rivede l’Avetrana con un affondo di Kunde, che centra il palo esterno.

Nella ripresa cambia la partita. Il Manduria perde il filo del gioco, esitando soprattutto a centrocampo, settore in cui si salva il solo Arcadio. Al contrario l’Avetrana acquista coraggio e neutralizza ogni tentativo, a dir la verità confusionario, degli ospiti. Non disdegnando le sortite in contropiede e sfiorando il raddoppio con Sanyang al 26’ della ripresa.

Tre minuti prima altra recriminazione del Manduria. Il portiere di casa, in uscita, “affonda” Zaccaria e l’arbitro indica il calcio di rigore. L’assistente di linea, però, è di diverso avviso e indica il fuorigioco di Zaccaria.

Vero è che se almeno una di queste azioni si fosse concretizzata la partita sarebbe cambiata. Ma dal Manduria, in particolare nella ripresa, ci si attendeva sicuramente di più.



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora