domenica 25 ottobre 2020

17/10/2020 10:39:46 - Manduria - Calcio

Il comunicato del sodalizio: «Noi estranei alla vicenda. L’organigramma societario sarà ridisegnato»

Squadra, società e tifoseria biancoverde sotto choc per l’arresto, nell’ambito dell’operazione “Cupola”, del presidente Elio Palmisano.

La notizia è iniziata a circolare nella seconda parte della mattinata dell’altro ieri, cogliendo di sorpresa l’intero ambiente calcistico manduriano e, più in generale, la comunità della città messapica. A poco più di tre anni da un’altra operazione di Polizia che aveva sgominato un clan criminale che aveva affondato le proprie radici a Manduria e a pochi giorni dall’elezione del nuovo sindaco (che ha chiuso, di fatto, la lunga parentesi di più di due anni di commissariamento del Comune per infiltrazione mafiosa, con la relativa onta), ecco altri 23 arresti per gravi reati. Nella rete della Polizia è caduto anche Elio Palmisano, ritenuto dagli inquirenti fra i quattro componenti della “cupola” che controllava tutti gli affari dell’associazione mafiosa presente in città.

Il presidente del Manduria era conosciuto dai più proprio per questa sua passione per il calcio. Ha assunto le redini del club biancoverde quando la compagine militava nel campionato di Prima Categoria. Con Palmisano presidente e con altri dirigenti che lo hanno sempre sostenuto e accompagnato in questo percorso, il Manduria si è piazzato dapprima al secondo posto del torneo di Prima Categoria, vincendo poi i play off e, quindi, accedendo al campionato di Promozione.

Nella scorsa stagione, prima che lo sport a livello agonistico fosse fermato dalla pandemia, il Manduria, partito con l’obiettivo di salvarsi, si è classificato al terzo posto in Promozione, usufruendo, così, della possibilità di essere ripescato in Eccellenza l’estate scorsa.

Intanto il Manduria ha pubblicato nella propria pagina Fb un comunicato sulla vicenda.

«La società UG Manduria Sport, venuta a conoscenza dagli organi di informazione, in data 14 ottobre 2020, delle vicende giudiziarie che hanno coinvolto il proprio presidente, Elio Palmisano, rende nota la propria estraneità alle vicende accadute e ne prende, di fatto, le distanze. Contestualmente il consiglio esecutivo si sta adoperando affinché l’organigramma societario venga ridisegnato per dare continuità al progetto tecnico previsto per la stagione calcistica 2020/21».





img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora