mercoledý 12 maggio 2021

12/04/2021 18:40:41 - Manduria - Calcio

Un salto nel tempo per un tuffo in una delle stagioni calcistiche più belle per il Manduria

Due dei protagonisti di quella trionfale promozione in Eccellenza li abbiamo incontrati ieri nella vicina Sava: mister Tonino Venezia e l’allora centrocampista, con spiccate vocazioni offensive, Paolino Pugliese.

Entrambi hanno deciso di vivere una nuova esperienza in un campionato di categoria. Mister Venezia, chiusa la sua attività commerciale, ha accettato di guidare la squadra della sua città, il Castellaneta, nello scorcio finale di questo anomalo campionato di Eccellenza. Paolo Pugliese, che da anni si cimenta come tecnico in una società che si occupa di far crescere i giovani calciatori (la Fortitudo Castellaneta), è il braccio destro di Tonino Venezia in questa avventura.

Il ritorno della coppia Venezia-Pugliese è avvenuto ieri nella vicina Sava. La pandemia in atto ha impedito a decine di tifosi manduriani di recarsi al “Camassa” per abbracciarli nuovamente.

Con loro, prima della partita, è stato inevitabile ricordare i protagonisti di quella cavalcata: dal presidente Vincenzo Stranieri alla rosa dei calciatori e ai tifosi.

Un’annata chiusa, dal Manduria, con 67 punti, frutto di 21 vittorie, 4 pareggi e solo 5 sconfitte; 58 i gol segnati (secondo attacco del girone, dopo quello del Grottaglie, con 60) e 23 quelli subiti (migliore difesa del girone).

Come non ricordare la formazione dell’ultima partita, giocata, contro il Galatone, ad Avetrana e vinta per 2-0: Rosati, Passeri, Sirbo; Scolozzi, Venezia (88’ Passariello), Gravina; Ciraci, Delli Noci, La Grotta, Pugliese, Rotolo (89’ Mingolla).

Fu decisa da una doppietta di La Grotta. Il marcatore più prolifico di quell’annata fu Paolino Pugliese con 15 centri; poi troviamo i 13 gol di La Grotta e i 10 di Rotolo.

«Abbiamo assunto la guida tecnica del Castellaneta da una decina di giorni» racconta mister Venezia. «Troppo pochi per trasmettere ai ragazzi la mia visione di gioco. Voglio però provare a seminare, per poi raccogliere i frutti il prossimo anno».

Il risultato della partita di ieri ha visto prevalere il Sava (1-0). Per mister Venezia c’è ancora tanto da lavorare. Ma siamo certi che, proprio come fece a Manduria, riuscirà, insieme al suo “fido” Pugliese, a lasciare anche questa volta profonde orme del suo lavoro.







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora