domenica 24 ottobre 2021

03/10/2021 21:45:24 - Sava - Calcio

Tre punti preziosi che consentono alla squadra di mister Passariello di restare nelle zone alte della classifica

OSTUNI-SAVA 0-1

OSTUNI 1945: Schina (s.t. 16’ Passante), Stranieri; Nives, Giunta, Zizzi; Chiochia, Benedetti (s.t. 16’ De Pasquale), Molnar (s.t. 25’ Iaia), Longo (s.t. 39’ Diomande), Faccini, Caruso. A disp.: Legrottaglie, Carrozzo, Pizzolla, Marino, Vincenti. All.: Bruni

ASD SAVA: Maraglino, De Gregorio, Cimino; D’Arcante, Fabiano, Aquaro; Procida (s.t. 44’ Greco), Zaccaria (s.t. 3’ De Luca), Caruso (s.t. 38’ Girardi), Beltrame. A disp.: Arcadio, Giammaruco, Nigro, D'Ettorre, Riezzo, Calò, D'Ambrosio. All.: Passariello

ARBITRO: De Pinto di Bari

RETE: p.t. 18’ Zaccaria

NOTE – Ammoniti Zizzi, Caruso, De Pasquale (O); De Gregorio, Fabiano, Cimino (S)

OSTUNI - Ancora un successo per i ragazzi di mister Passariello, che, nell’insidioso impianto del  Laveneziana, si impongono di misura sui padroni di casa dell'Ostuni.

Gara alla vigilia ricca di suspense, un pò per via delle aspettative riposte sulla nuova guida tecnica affidata a mister Bruni e l'arrivo dell'ungherese Molnar (con presenze nella massima serie magiara), chiamati in causa per sanare la crisi in classifica. Un pò per la responsabilità per i biancorossi di dare continuità all’ottimo risultato conseguito al Camassa. Il finale, pertanto, dà ragione al Sava che, a conti fatti, si guadagna la terza posizione in solitaria.

Prima frazione ad appannaggio dei biancorossi, che già al 4’ si rendono pericolosi con Zaccaria che prova a sorprendere l'estremo di casa Schina con un pallonetto, poi neutralizzato. Ed è sempre l'esterno ionico ad essere annoverato sul taccuino allorchè al 18', ancora con un delizioso pallonetto da fuori area, supera il numero uno giallazzurro e porta i suoi sopra di un goal.

La reazione degli uomini di Bruni si traduce nel tentativo su punizione di Faccini, che al 25' con una pennellata spedisce la sfera di poco a lato. Poco dopo, lo stesso attaccante ostunese impensierisce Maraglino con una velenosa conclusione scaturita da una involata. Il Sava, da par suo, prova a legittimare il risultato dapprima con Aquaro, che a due primi dal termine causa non pochi patemi a Schina, poi con Procida che conclude da fuori area.

Ripresa alquanto spigolosa e caratterizzata da nervosismo e disordine, poichè giocatasi  prevalentemente a centrocampo. Poche le emozioni, eccettuata una conclusione in sforbiciata di Caruso ben servito da Cimino.

 

Aldo Simonetti

Ufficio Stampa ASD Sava







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora