domenica 16 gennaio 2022

10/01/2022 10:08:50 - Puglia - Politica

«Ora incaricare una task force, dopo aver impedito l’approvazione del nostro emendamento teso ad inserire nella Legge di Bilancio l’istituzione di una Commissione di Indagine sulla gestione Covid, sa di presa per i fondelli»

Riceviamo, e pubblichiamo, un comunicato del gruppo regionale di Fratelli d’Italia sulle vicende giudiziarie che hanno investito la Protezione Civile pugliese.

«La stalla bisognava chiuderla prima che i buoi scappassero o che potessero scappare. Il gruppo regionale di Fratelli d'Italia ha sempre e puntualmente avvertito. Ora incaricare una task force, dopo aver impedito l’approvazione del nostro emendamento teso ad inserire nella Legge di Bilancio l’istituzione di una Commissione di Indagine sulla gestione Covid, sa di presa per i fondelli, come a voler rimarcare che il presidente Emiliano è estraneo al sistema di gestione della Protezione Civile in Puglia, nei mesi della pandemia.

Non possiamo pensare che Emiliano dopo aver affermato di essersi prodigato - anche con fare da contrabbandiere - e dopo aver presenziato (con tanto di foto e video) all'arrivo dei cargo dei DPI dalla Cina non sappia nulla di come sia stata avviata e si sia evoluta tutta quella faccenda. Allo stesso modo non possiamo pensare che non sapesse nulla della Fabbrica delle Mascherine dopo averla reclamizzata – in tutti i talk show nazionali - come unica e prima fabbrica pubblica in Italia. Ed è sempre impensabile che l’ospedale Covid in Fiera possa essere solo un'invenzione del dirigente, mentre lui si limitava solo a farlo visitare ai testimonial politici di centrosinistra, come di centrodestra, o ad artisti adulatori del potente. E certamente non poteva non sapere delle magliette griffate visto che lui stesso le indossava.

Insomma, oggi Emiliano non può ispirarsi al film di Checco Zalone “Cado dalle nubi”, facendo intendere che la gigantografia che lo ritraeva con Lerario – sulla Fabbrica delle Mascherine – altro non era che un fotomontaggio.  Emiliano è responsabile dell'indirizzo politico e del controllo sulla gestione attuata dal dirigente Lerario e oggi Emiliano non può pensare di far credere ai pugliesi che lui non abbia dato, invece, alcun indirizzo politico e che a lui non spettasse nessun controllo. Insomma, non pu? pensare di lavarsi le mani con le task force a buoi scappati.

Ci aspettiamo da Emiliano un'assunzione di responsabilità politica e amministrativa sull'attività gestionale della protezione civile e ci aspettiamo che giustifichi le sue assenze quando lo chiamavamo in audizione o quando proponevamo di affidare la gestione COVID al Governo centrale attraverso la nomina di un commissario o quando proponevamo al Governo centrale l'invio di ispettori. Se solo ci avesse ascoltato ...».

 

Gruppo regionale Fratelli d’Italia

 







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora