sabato 03 dicembre 2022

26/09/2022 11:37:13 - Sava - Altri Sport

Nella finale di ieri Balestra ha messo a referto altri 6 punti

Come la Nazionale di coach De Giorgi! L'Italia Under 20 batte infatti la Polonia (3-2), grazie al 15-6 del tie-break, e si aggiudica il titolo europeo di categoria, trascinata dalle schiacciate di Alessandro Bovolenta - classe 2004 e figlio del compianto Vigor - dai voli in ricezione/difesa di Gabriele Laurenzano e dalle bordate di Luca Porro dai nove metri. Gli Azzurrini, allenati da Matteo Battocchio, coronano così un 2022 da favola per le Nazionali. A livello under, negli ultimi tre mesi l'Italia ha vinto infatti sei titoli europei: tutti quelli che erano stati messi in palio!

Se a questi successi si aggiungono quelli centrati dall'Italvolley maschile e dall'Italvolley femminile negli Europei 2021 (senior), l'Italia è attualmente detentrice di 8 titoli europei sui 10 che la CEV (Confédération Européenne de Volleyball) riconosce a oggi. Tutto ciò a conferma di un movimento che fa letteralmente scuola, non soltanto perché ha la possibilità di pescare da un bacino di utenza incredibile: il lavoro della FIPAV, anche e soprattutto a livello giovanile, dovrebbe essere preso quale esempio da tantissimi altri organismi chiamati a gestire sport di squadra diversi.

LA PARTITA

L'Italia parte contratta, forse anche per la pressione generata involontariamente dal pubblico amico del taraflex di Montesilvano, che si aspetta ovviamente il risultato anche in questa finale. La Polonia infila così un break importante (1-5), sfruttando la battuta salto-flot di Mateusz Kufka, le grandi diagonali di Piotr Sliwka (giocatore già molto simile all'omonimo della nazionale maggiore) e lavorando bene a muro. Registrata la ricezione e sistemata la connection di Mattia Boninfante coi suoi schiacciatori, gli Azzurrini divantano però devastanti, specie dai nove metri. La coppia Bovolenta-Porro realizza infatti 7 ace (4 di Porro) soltanto nel 1° set e mette insieme turni in battuta incredibili, su cui la nazionale costruisce i parziali decisivi per il 25-19 finale. Il servizio è fondamentale micidiale, con cui la squadra di coach Battocchio svolta completamente una frazione in cui fatica in attacco (43% di eccellenza, contro il 57% della Polonia).

Nel 2° set Bovolenta sale in cattedra da posto 2, liberando tutta la potenza del suo braccio destro e iniziando a macinare schiacciate su schiacciate. L'intensità dell'Italia dai nove metri cala molto ma, contestualmente, la Polonia non riesce a incidere più di tanto col primo fondamentale contemporaneo e si perde anche in troppe proteste per una valutazione dei tocchi a muro giudicata "troppo casalinga" dai pallavolisti di coach Grabda. Raggiunto un buon margine (12-7), gli Azzurrini incappano in un mini blackout, con troppe battute sbagliate, e consentono agli avversari di rientrare in partita. Tocca allora ancora a Bovolenta siglare quei punti che garantiscono la distanza di sicurezza, mentre Laurenzano si conferma libero fenomenale già a soli 19 anni d'età. Porro mostra invece una sensibilità non indifferente nei pallonetti e il set scivola così via fino al 25-19 che bissa il risultato del parziale precedente.

Porro continua a martellare dai nove metri anche nel 3° set, con l'Italia che sale di colpi anche a muro e in attacco, obbligando la Polonia a fermare il gioco col primo timeout già sul 7-4. La sospensione spezza però il ritmo degli Azzurrini, che incappano in un parziale negativo (1-7), soffrendo tanto in attacco e vedendo contestualmente calare anche la loro qualità in ricezione. Coach Battocchio cambia allora qualcosa nel 6+1, inserendo Alessandro Fanizza e Riccardo Iervolino al posto di Boninfante e Bovolenta (fuorigiri nella frazione e sceso dal 50% al 41% di eccellenza in attacco), ma la Polonia continua a giocare bene col muro Azzurro e inizia anche a spingere sull'acceleratore, sia dai nove metri che coi 1° tempi. Il 24-26 con cui gli under 20 polacchi riaprono la partita è così completamente meritato e decisamente "bugiardo": due soli punti non rappresentano il vero divario visto tra le due formazioni.

Le difficoltà offensive di Bovolenta proseguono anche all'inizio del 4° set, mentre la Polonia, ormai galvanizzata dalla frazione precedente, spinge tanto dai nove metri e scappa via sul 3-6, costringendo la panchina italiana al timeout. Gli Azzurrini scivolano anche a -5, non riuscendo, col contenimento a muro, nelle rigiocate che tanto servirebbero per spezzare il ritmo degli avversari. L'Italia fa enorme fatica anche nella fase di cambio-palla e costringe coach Battocchio al nuovo timeout sul 9-14 che sembra far presagire il tie-break. Presagio che si trasforma presto in realtà, dal momento che la Nazionale non riesce mai a lavorare bene a muro e incappa in un sonoro 17-25 che ribalta completamente gli equilibri, prolungando la sfida al 5° e decisivo set.

Gli Azzurrini aprono con un altro posizionamento imperfetto a muro, ma poi si riscattano: break di 3-0, con Bovolenta protagonista anche a muro e in difesa, e Polonia costretta al timeout dopo pochissimi rally. Sliwka continua a fare molto bene con la pipe, ma ora la ricezione italiana tiene il servizio avversario e Boninfante può variare meglio le aperture con palla in mano, trovando in Porro il terminale offensivo di riferimento (7-2, con secondo timeout Polonia). Alla ripresa del gioco, Bovolenta mura a uno il posto 4 avversario e il tie-break sostanzialmente termina qui: gli Azzurrini gestiscono il vantaggio e, sul 15-6, può cominciare la festa sul taraflex di Montesilvano.

IL TABELLINO

Italia - Polonia 3-2 (25-19; 25-19; 24-26; 17-25; 15-6)

  • Italia: Ambrose n.e., Boninfante 7, Volpe 12, Eccher, Bovolenta 20, Balestra 6, Penna, Fanizza, Laurenzano (L), Orioli 6, Staforini (L) n.e., Porro 16, Iervolino 2, Roberti. All. Battocchio.
  • Polonia: Majchrzak 11, Szymendera 5, Kedzierski (L), Olszewski 6, Kubicki 1, Nowik 19, Kufka 10, Sliwka 16, Czerny, Hawryluk (L), Nowak n.e., Bilinski, Ratajewski n.e., Gawel. All. Grabda.

 

I 14 azzurrini oro ai Campionati Europei Under 20

Palleggiatori: Mattia Boninfante, Alessandro Fanizza

Opposto: Alessandro Alberto Bovolenta

Schiacciatori: Luca Porro, Mattia Orioli, Gaetano Penna, Federico Roberti, Riccardo Iervolino

Centrali: Ionut Alin Ambrose, Cosimo Balestra, Mattia Eccher, Nicolò Volpe

Liberi: Gabriele Laurenzano, Matteo Staforini

Lo staff oro ai Campionati Europei Under 20: Matteo Battocchio (primo allenatore), Nicolò Zanni (secondo allenatore), Giorgio Sabbadin (assistente allenatore), Roberto Vannicelli (medico), Francesco Bettalico (fisioterapista), Annalisa Pinto (scoutman), Mattea Tosetti (team manager).

 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora