martedì 31 gennaio 2023

08/01/2023 10:41:00 - Avetrana - Attualità

«Siamo abbastanza curiosi di conoscere i prossimi passi che l’Amministrazione comunale e l’Organismo di Valutazione vorranno percorrere per venire a capo di questa incredibile vicenda!»

Riceviamo, e pubblichiamo, un comunicato del gruppo consiliare di minoranza “Rilanciamo Avetrana”.

«Nell’ultimo Consiglio comunale del 2022, i nostri consiglieri comunali sono stati chiamati a votare su alcuni provvedimenti atti a riconoscere i famigerati “debiti fuori bilancio” per più o meno 217.000 euro per somme accumulatesi negli anni dal 2010 in poi.

DUECENTO-DICIASSETTE-MILA-EURO di certo non ottimamente gestiti che gravano sulle finanze e su un bilancio già abbastanza a secco del Comune di Avetrana.

Il debito maggiore è quello di 99.000 euro nei confronti dell’Acquedotto Pugliese per utenze comunali non pagate dal 20/05/2010 al 02/03/2022. In relazione a questa spesa il revisore unico indica nella sua relazione che AQP con cadenza “annuale ed infra-annuale” sollecitava i pagamenti e metteva in mora l’ente. Dunque non ci capacitiamo di come per 12 anni possano essere state ignorati tutti questi avvertimenti; ancora il revisore unico invita ed onera gli organi preposti “a verificare la sussistenza di eventuali responsabilità e di eventuali azioni di rivalsa nel riconoscimento del suddetto debito fuori bilancio, trasmettendone la documentazione all’Organismo di Valutazione” e a trasmettere copia della deliberazione di riconoscimento dei debiti fuori bilancio anche alla Procura Regionale della Corte dei Conti.

Siamo abbastanza curiosi dunque di conoscere i prossimi passi che l’Amministrazione comunale e l’Organismo di Valutazione vorranno percorrere per venire a capo di questa incredibile vicenda!

Spulciando ancora le carte relative agli altri debiti, ci si accorge di alcuni incarichi a legali definiti dai funzionari comunali “irrituali” e “difformi rispetto alle regole giuscontabili” per un totale di 26.000 euro fatturati tra il 2020 e il 2021. Anche qui il revisore unico invita gli organi preposti “a verificare la sussistenza di eventuali responsabilità e di eventuali azioni di rivalsa nel riconoscimento del suddetto debito fuori bilancio”.

Naturalmente per i lettori non sarà complicato individuare tutte le responsabilità politiche di questo continuo stillicidio di risorse pubbliche chiamato “debito fuori bilancio”, staremo molto attenti però a quanto accadrà in relazione all’attività dell’organo di vigilanza per capire se vi è volontà o meno di venire a capo dei tanti misteri avetranesi dove chi paga alla fine è solo il cittadino».







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora