sabato 18 maggio 2024

11/02/2023 16:27:50 - Salento - Cronaca

Altri 18 ultras risultano indagati perché gravemente indiziati degli stessi reati

Nella mattinata odierna, personale de1 Commissariato di P.S. di Nocera Inferiore      e della Questura di Brindisi, nell’ambito dell’attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore (SA), avviata in seguito agli scontri fra opposte tifoserie accaduti domenica 16 ottobre 2022 in  occasione dell’incontro di calcio ASD Nocerina 1910-Brindisi, valevole per il campionato di  calcio Serie D, lungo il percorso per raggiungere lo stadio comunale “San Francesco d’Assisi” di Nocera Inferiore, ha dato esecuzione a ordinanza applicativa di misure cautelari personali emessa nei confronti di sei ultras appartenenti alle tifoserie della Nocerina e del Brindisi dal GIP presso il Tribunale di Nocera Inferiore, il quale ha condiviso le contestazioni avanzate dal Pubblico Ministero titolare delle indagini, ritenendo la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza per tre ultras della Nocerina e tre ultras del Brindisi, in ordine ai reati di rissa aggravata e al possesso e utilizzo di oggetti contundenti, in relazione alla partecipazione dei medesimi agli scontri fra opposte tifoserie verificatisi nel Comune di Nocera Superiore, con uso di mazze e bastoni e lancio di fumogeni, nel corso dei quali alcuni tifosi riportavano lesioni personali; con l’aggravante di avere commesso i fatti in occasione di manifestazioni sportive, durante il trasferimento verso il luogo in cui si sarebbe svolta detta manifestazione sportiva.

In particolare, si è accertato che la carovana dei tifosi ospiti, a bordo di veicoli propri, dopo aver eluso i presidi e  controlli predisposti per la loro scorta, cosi come loro indicato, aveva percorso strade cittadine alternative all’itinerario programmato per la tifoseria ospite, giungendo nel limitrofo Comune di Nocera Superiore; contemporaneamente si registrava l’organizzarsi dei tifosi nocerini che, verosimilmente, venuti a conoscenza del fatto che gli avversari si trovavano in zona, iniziavano a muoversi in gruppo per intercettarli. Successivamente, pochi chilometri prima dell’ impianto sportivo, in una frazione del Comune di Nocera Superiore, lungo una strada utilizzata dai tifosi locali per

raggiungere lo stadio, le contrapposte tifoserie si scontravano con l’uso di strumenti atti ad offendere, creando grave  ed evidente pericolo per l’incolumità delle persone e per la sicurezza pubblica.

Gli odierni destinatari dell’ordinanza cautelare sono stati sottoposti, a vario titolo, alla misura dell’obbligo di dimora e dell’obbligo   di presentazione tutti i giorni della settimana alla P.G. competente per territorio, in relazione al luogo di  residenza.

Altri 18 ultras risultano indagati perché gravemente indiziati degli stessi reati, ma non sono stati raggiunti dal1’odierna misura per il loro stato di incensuratezza o perché non gravati da precedenti specifici.

 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora