martedì 21 maggio 2024

28/06/2023 19:04:19 - Puglia - Politica

«Chiediamo il commissariamento di D’Attis perché non possiamo accettare questo atteggiamento dispotico, che non contempla alcun confronto all’interno del partito»

«Un commissario regionale che non convoca un coordinamento di partito per anni, ma che non manca di entrare a gamba tesa nelle dinamiche del Gruppo consiliare, ledendone l’autonomia e determinandone la spaccatura: è questo il triste epilogo che porta la firma di Mauro D’Attis in Puglia».

Così il capogruppo di Forza Italia Paride Mazzotta.

«Un coordinatore regionale -aggiunge- che ha un curriculum preciso di rapporti con i vari capigruppo di Forza Italia durante il suo incarico: da Nino Marmo a Stefano Lacatena, D’Attis è riuscito ad incrinare i rapporti con tutti. Ed oggi tocca a me, che sono lealmente in Forza Italia da anni, comportandomi sempre da uomo di partito. Sarei “reo” di aver difeso l’autonomia del Gruppo, ma nessuna riunione è stata convocata nelle settimane passate per dirimere la questione del segretario d’aula e dei tanti altri problemi di Forza Italia in Puglia».

«Chiediamo il commissariamento di D’Attis -aggiunge Napoleone Cera- perché non possiamo accettare questo atteggiamento dispotico, che non contempla alcun confronto all’interno del partito. Ed è bene ribadire che in Puglia il gruppo che rappresentiamo vale l’80% di Forza Italia e che D’Attis, invece, sia rappresentativo solo del 20%, ovvero Brindisi e Taranto. Altrettanto doveroso è dire che è stato proprio D’Attis a portare ad una spaccatura Forza Italia nella nostra regione, creando due correnti. Chiediamo quindi al coordinatore nazionale, il Ministro Antonio Tajani, di venire in Puglia, di commissariare il partito e tirare le somme della questione».









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora