sabato 18 maggio 2024

30/11/2023 17:30:59 - Salento - Attualità

E’ destinato ai detenuti che frequentano l’area educativa: è un percorso di formazione e orientamento che si spera possa essere utile nel processo di recupero e inclusione nella società

Il Pmi Day 2023, la giornata nazionale delle Piccole e Medie Imprese di Confindustria, continua il suo tour sui territori e fa tappa presso il carcere di Borgo San Nicola per coinvolgere i detenuti che frequentano l’area educativa in un percorso di formazione e orientamento che possa essere utile nel processo di recupero e inclusione nella società.

L’idea nasce dalla collaborazione tra il Comitato Piccola Industria di Confindustria Lecce, la Direttrice del Carcere Maria Teresa Susca e la Responsabile Area Educativa Cinzia Conte ed è finalizzata all’introduzione della cultura d'impresa tra i detenuti, come elemento chiave nel reinserimento sociale e nella promozione del riscatto individuale. Offrire programmi di formazione che insegnino le basi dell'imprenditorialità può aiutare i detenuti, infatti, a sviluppare competenze imprenditoriali fondamentali, come la gestione finanziaria, la pianificazione aziendale, la comunicazione e il problem solving. Parlare di cultura d'impresa nel carcere può incoraggiare la creatività e l'innovazione, stimolare l’inventiva tra i detenuti, offrire un'opportunità di espressione individuale e promuovere la capacità di trovare soluzioni alternative ai problemi, una skill utile nella possibile scelta dell’auto impiego dopo la pena.

“Ho vissuto un’esperienza umanamente, emotivamente e professionalmente importante -  afferma Roberto Marti, Presidente di Piccola Industria Confindustria Lecce - perché portare la cultura d’impresa in carcere ha rappresentato non solo l’occasione di condividere conoscenze e competenze, ma soprattutto la grande possibilità di creare un impatto significativo nelle vite di coloro che si trovano in una fase così critica della loro esistenza, stimolando il ragionamento e la riflessione. L'incontro con i detenuti impegnati in percorsi di studio ha svelato un mondo di sfide e speranze, un contesto in cui l'autoimprenditorialità può diventare una chiave per la trasformazione personale e sociale. Ho visto occhi brillare di interesse e menti aperte alla possibilità di un futuro diverso, basato sulla responsabilità e sulla costruzione attiva di un percorso di vita migliore”.

Favorire l'autoimprenditorialità tra i detenuti è un modo efficace per consentire loro di sviluppare capacità imprenditoriali e gestionali. Creare piccole imprese o partecipare a progetti imprenditoriali in carcere può dare ai detenuti un senso di responsabilità, autostima e un'opportunità di apprendere competenze che potrebbero essere utilmente applicate successivamente. Diverse ricerche hanno attestato che l'occupazione durante e dopo la detenzione è associata a una riduzione della recidiva. Lavorare in carcere offre ai detenuti la possibilità di mantenere un senso di normalità e di costruire una storia lavorativa che può essere preziosa nella ricerca di un impiego una volta fuori.

“Sono sicuro – conclude Marti - che favorire un ambiente di sostegno tra i detenuti interessati all'autoimprenditorialità può essere un elemento cruciale per il loro reinserimento. Collaborare con organizzazioni esterne, come associazioni di imprenditori, enti di formazione o agenzie di sviluppo economico, può ampliare le opportunità per tutti loro. Tali strutture possono infatti offrire risorse, mentoring e supporto nella fase post-pena. Integrare la cultura d'impresa nel contesto della detenzione non solo può offrire opportunità di apprendimento pratico, ma anche contribuire a cambiare la prospettiva dei detenuti sulle proprie capacità e sulle possibilità di successo future”.









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora