giovedì 22 febbraio 2024

07/12/2023 18:13:28 - Avetrana - Attualità

Evento sulla disabilità: «Non sono stato invitato al tavolo dei relatori. Non invitata neppure la responsabile del Servizio»

Riceviamo, e pubblichiamo, un intervento del sindaco di Avetrana Antonio Iazzi, attraverso il quale risponde alla mamma di Avetrana che, qualche giorno fa, aveva richiamato l’attenzione sulle tematiche della disabilità e dell’inclusione.

«Nei giorni scorsi è stata pubblicata da alcune testate digitali territoriali la lettera di una mamma, la quale merita attenzione ed una risposta con cui precisare avvenimenti ed atti amministrativi che evidenziano il pregiudizio con cui la stessa lettera è stata redatta, ma nello stesso tempo aprire un dialogo costruttivo.

Mi preme intanto sottolineare, per ciò che riguarda la sensibilità mia personale e dell’Amministrazione rispetto al tema della disabilità e dell’inclusione, che l’Amministrazione comunale ha organizzato diversi incontri sul tema ed ha partecipato ad altri incontri in cui è stata invitata a presenziare. Da ultimo, si è patrocinato l’iniziativa del taxi sociale, che inizierà a brevissimo ad operare sul nostro territorio comunale ad opera dell’associazione Nuova Oari.  

In merito all’evento di venerdì scorso organizzato dall’associazione Rilanciamo Avetrana insieme, personalmente ho già superato la fase dei “rammarichi”. Sin dai momenti successivi alla elezione si è cercato di ostacolare l’idea di provare a tenere unita la nostra comunità, denigrando costantemente con pregiudizi prima i componenti dell’Amministrazione e da un po’ di tempo il sindaco.

Nello specifico, dell’evento di venerdì 1 dicembre, ed in generale, ho subito preso atto della scelta dell’associazione Rilanciamo Avetrana di invitare al tavolo le istituzioni (da ultimo l’assessore regionale) ma non il sindaco; e ciò, nonostante gli eventi si svolgano nella sala del massimo consesso comunale. Avessero avuto almeno il buon senso di invitare la responsabile dei Servizi Sociali, magari i partecipanti avrebbero ricevuto prime risposte ai dubbi emersi. Tali atteggiamenti sono talmente abituali che non meritano neanche attenzione. Preferisco concentrarmi sull’azione amministrativa e sulle necessità dei miei concittadini.  

In merito all’invito a fare qualcosa e di iniziare ad agire, mi preme sottolineare che noi da subito abbiamo iniziato ad agire e di seguito cito i procedimenti attivati a favore dell’inclusione da parte dell’Amministrazione comunale che da 2 anni ho la responsabilità di presiedere:  

- in data 16 agosto 2022 l’Amministrazione comunale, unitamente ad altri Comuni, ha presentato il progetto Green Communities, con il quale sono stati finanziati una serie di interventi di abbattimento delle barriere architettoniche, oltre che di digitalizzazione del patrimonio culturale di Avetrana; ad oggi il Comune di Nardò, capofila, sta ultimando il progetto esecutivo ed i lavori saranno realizzati nel 2024;  

- con deliberazione di Giunta comunale n. 92 del 26/09/2022 si è richiesto un finanziamento al Gal Terre del Primitivo per un intervento di riqualificazione e valorizzazione della biblioteca comunale “A. Carlone”; con tale progetto sono previsti interventi di sistemazione dei servizi igienici della biblioteca comunale al fine di renderli fruibili, al netto di barriere, per i visitatori del complesso fortilizio oltre che della stessa biblioteca. Inoltre, con l’intervento è prevista altresì un’attività di digitalizzazione che consentirà alla nostra biblioteca di rientrare nel sistema nazionale; i lavori sono in fase di avvio;  

- con deliberazione della Giunta n.90 del 25.07.2023, si è deciso di destinare un contributo statale per l'efficientamento energetico dell’auditorium “Caduti di Nassirya”, con l’obiettivo di metterlo a disposizione della comunità (l’immobile è stato accatastato con un atto di indirizzo di questa Amministrazione e si spera di poterlo rendere agibile per uso pubblico). L’affidamento dei lavori è avvenuto circa due mesi fa e l’impresa dovrebbe iniziare entro fine anno;  

- con determinazione n. 403 del 28 luglio 2023 il responsabile del settore, su indirizzo della Giunta comunale, ha incaricato un’impresa per attività di abbattimento di barriere architettoniche nelle seguenti vie: piazza antistante la sede municipale; largo Regina Pacis; piazza S. D’Acquisto; p.zza Trieste e piazzetta prospiciente; auditorium “Caduti di Nassirya”; piazza Unicef; piazza Collodi; piazza S. Giuseppe (sia lato destro che sinistro di via Montegrappa); via A. De Gasperi; inoltre, è prevista la realizzazione di un attraversamento pedonale visibile per gli utenti della guardia medica e della farmacia sita in via Piave; a giorni l'avvio dei lavori;

- con il Bilancio di previsione 2023 sono stato previste risorse per l’acquisto di un’altalena per disabili, che dovrebbero essere impegnati dal nuovo responsabile entro fine anno;  

- con i vari interventi in atto di digitalizzazione del patrimonio culturale (Gal, Green communities e digitalizzazione della P.A.) si renderanno fruibili anche in modalità digitale i nostri principali attrattori culturali;  

- sembrerà minimale, ma da qualche settimana sulle tre vie principali del centro sono istallati tre stalli di sosta gialli, che si aggiungono a quelli adiacenti alla piazza Giovanni XXIII, il cui intervento di rigenerazione, che si sta per avviare, prevede differenti accessi senza barriere; 

- la realizzazione del nuovo portale istituzionale del Comune (in fase di aggiudicazione) favorirà l’interazione digitale con gli uffici comunali, favorendo anche il superamento di particolari difficoltà di comunicazione; ciò supportato da azioni di formazione per l’utilizzo degli strumenti che presto saranno a nostra disposizione.  

Quanto su riportato è un’elencazione di atti e procedimenti avviati, i cui effetti si inizieranno a verificare in questi giorni e comunque nel 2024. Personalmente ritengo che tali atti siano già una prima risposta per favorire “un’uguaglianza sostanziale”. E’ stato un punto programmatico della nostra candidatura e sebbene tra mille difficoltà, si è cercato di dare delle risposte.

Atti che determineranno minori barriere, maggiore fruibilità del patrimonio culturale, la possibilità di mettere a disposizione della comunità l’auditorium e la biblioteca comunale e quindi incrementare, grazie anche alla rigenerazione di piazza Giovanni XXIII, le presenze sul nostro territorio. E questo, mi sia consentito lo sfogo, in mezzo a tante criticità che quotidianamente si affrontano e che si spera di portare presto a soluzione.  

Quando avrà tempo e piacere, sono pronto ad incontrarla per spiegare personalmente ciò che quotidianamente ci impegna, anche con attenzione ai temi dell’inclusione e dei giovani.  

Chiudo esprimendo il mio rammarico per i forti pregiudizi manifestati nella lettera senza informazione alcuna. Probabilmente, prima di rivolgersi ai giornali, ci si poteva semplicemente incontrare e l’avrei resa partecipe di quanto sinteticamente su riportato e di altro che è in fase di progettazione. Personalmente ritengo di essere sempre stato disponibile al dialogo con i cittadini così come lo sarò in futuro, prescindendo dall’attuale ruolo di rappresentanza della mia comunità».  

 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora