martedì 21 maggio 2024

27/12/2023 10:24:06 - Salento - Cronaca

Forse dei ragazzi del posto gli autori di quest’atto crudele. «Che razza di genitore permette questo?»

Un cucciolo di cane colpito da un grosso petardo: il cane è stato prontamente soccorso dai volontari dell’associazione Spirito Randagio e non è in pericolo di vita. E’ stato poi trasportato in una clinica veterinaria, dove gli sono state medicate le ferite.

Questo il post pubblicato dall’associazione Spirito Randagio.

«Taviano, ore 3.35 circa del mattino di sabato 23 dicembre, un’esplosione di una potenza estrema scuote il quartiere e i muri delle case, pochi secondi dopo si avverte l'abbaio di un cane misto tra terrore e dolore.

Si scopre dopo qualche ora che artefici dell'esplosione sono dei ragazzi che con la mente offuscata da chissà cosa, prendono probabilmente di mira l'animale abitualmente stanziale in zona.

Il cane è stato prontamente soccorso e nonostante le ferite derivanti dai detriti della deflagrazione che lo hanno colpito, non è in pericolo di vita e a breve sarà dimesso dalla clinica, ma non tornerà per strada.

Doverosa la riflessione che pone l'accento sulla questione sicurezza, sicurezza dei luoghi pubblici, degli spazi condivisi, sicurezza che trova il suo punto più fragile nelle ore notturne. È una questione che coinvolge persone e animali e che purtroppo oramai è diventata annosa e che trova i suoi punti critici in diversi aspetti facilmente ipotizzabili, primo tra tutti la carenza di personale nelle forze dell'ordine che ne limita l'attività in particolar modo nel mantenimento dell'ordine pubblico.

Ma quest'evento che per questa volta ha come vittima una vita innocente come quella di un cane, per qualcuno potrebbe assumere aspetti trascurabili, non per chi come me e come tanti tavianesi per fortuna che considerano la vita di un cane di pari valore a quella di un umano, accende un faro sulla preoccupante incapacità di alcuni adulti ad essere genitori, incapacità ad essere quell'esempio di rispetto per il prossimo, che si identifica in un anziano, una donna, un bambino o un cane, in poche parole i fragili.

Che padre o madre può essere un genitore che lascia girovagare il proprio figlio alle 3.30 del mattino? Un genitore che di certo ha fallito e che ha perso di vista la consapevolezza del suo ruolo.

Non sarà questo post che cambierà il mondo ma mi auguro che quantomeno porti a riflettere sulla deriva che sta investendo la nostra comunità, deriva che può essere arginata solo dall'amore per la nostra Taviano e dalla pretesa di rispetto per gli spazi comuni. Si abbia il coraggio di essere padri o madri, si abbia il coraggio di punire un figlio prima».









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora