giovedì 22 febbraio 2024

08/02/2024 17:01:54 - Puglia - Politica

«Oggi il suo minuto di notorietà e visibilità se lo porta a casa e agli operai dell’indotto dirà: …ma io volevo darvi i soldi, è il Governo brutto e cattivo di destra che non vuole. Presidente, la smetta. I pugliesi non hanno l’anello al naso»

Riceviamo, e pubblichiamo, una dichiarazione congiunta del gruppo regionale di Fratelli d’Italia, composto dal  capogruppo Francesco Ventola e dai consiglieri Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Renato Perrini e Michele Picaro

«Il 19 novembre del 2019 lo aveva già fatto! Anche in quell’occasione il presidente Michele Emiliano - all’epoca ‘anem e cor’ sia con AD di Mittal, Lucia Morselli sia con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - si disse pronto ad anticipare i crediti vantati dalle imprese dell’indotto ex Ilva, con un prestito anticipato con i soldi della Regione Puglia, che poi il Governo avrebbe dovuto restituire…

Oggi ci riprova sapendo bene che si tratta più di un’operazione di marketing politico-elettorale, un stare sulla scena e sotto i riflettori, soprattutto per attaccare il Governo Meloni, e spostare l’attenzione dai problemi della Puglia che LUI, invece, è chiamato a risolvere, a cominciare con i disastri di una Sanità ancora in piano di rientro (nonostante la tronfia e bugiarda conferenza stampa con il ministro Roberto Speranza l’11 settembre 2020, a pochi giorni dalle elezioni regionali) e un Piano di Rifiuti che ha prodotto solo un unico risultato: aumentare la TARI e mettere in ginocchio i Comuni. Ma solo per citare due dei tanti problemi che Emiliano è chiamato a risolvere. Mentre assistiamo a un’intromissione di campo, di un problema di natura nazionale e che il Governo Meloni sta cercando di risolvere mettendo riparo ai danni provocati proprio dai Governi sostenuti da Emiliano.

Ma se solo una parola della lunga lettera inviata al presidente Giorgia Meloni fosse davvero stata pensata e studiata per dare una mano e non per pura propaganda, anche dal sapore amarissimo, perché prende in giro le imprese e i lavoratori dell’indotto, Emiliano avrebbe stilato un piano di intervento vero e sarebbe venuto in Consiglio regionale prima a illustrarlo (come pagare, chi pagare, con quali garanzie etc etc) e poi a chiedere a tutto l’arco istituzionale presente nell’assise di sostenere la richiesta dell’apposita deroga alla disciplina degli aiuti di Stato, e dell'autorizzazione con legge dello Stato all'utilizzo dell'avanzo vincolato della Regione Puglia.

Invece, oggi, Emiliano troneggia su tutti i giornali e tv come un pavone in calore, ma dimentica di dire che l’Europa è severissima sulla deroga alla disciplina degli aiuti di Stato, così come per un Governo è ancor più complicato autorizzare l’utilizzo dell’avanzo vincolato perché se la Regione Puglia si dovesse trovare in qualche emergenza non avrebbe nessun paracadute finanziario.

Ma che importa a Emiliano-boutade! Oggi il suo minuto di notorietà e visibilità se lo porta a casa e agli operai dell’indotto dirà: …ma io volevo darvi i soldi, è il Governo brutto e cattivo di destra che non vuole.

Presidente, la smetta. I pugliesi non hanno l’anello al naso».









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora