domenica 19 maggio 2024

18/02/2024 09:51:20 - Provincia di Taranto - Politica

Per la mozione di sfiducia non ci sono più i tempi tecnici

Il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci non gode più della fiducia della maggioranza dei consiglieri comunali eletti nel consiglio Comunale di Taranto ormai da tempo.

«Le grandi questioni che riguardano la città di Taranto in questo momento storico sono determinanti per il futuro della nostra comunità e non possono essere gestite da una amministrazione debole, instabile e non idonea ad assicurare un governo autorevole della città» è riportato in una nota sottoscritta da Pd, Psi, Con, Strada diversa, Europa verde e Movimento 5 stelle.

«Le opposizioni, al fine di tutelare il ruolo primario delle istituzioni, convergono sull’opportunità, nell’interesse generale della città, di porre fine a questa pagina politica e amministrativa.

Per raggiungere questo obiettivo, l’unico metodo immediato ed efficace è firmare dal notaio lo scioglimento del Consiglio comunale, protocollando il tutto a palazzo di città entro martedì 20 febbraio 2024.

I tempi rapidi eviterebbero il commissariamento prefettizio di circa un anno e mezzo, consentendo il voto popolare il prossimo giugno e permettendo alla città di ripartire quanto prima.

Pertanto, non ci sono i tempi tecnici per presentare e discutere una mozione di sfiducia.

Ci recheremo già lunedì presso un notaio per consumare quanto prima la nostra azione e ridare dignità a Taranto e ai tarantini.

Con l’auspicio che tutti i consiglieri dell’assise comunale siano spinti da un reale senso di responsabilità nei confronti dei nostri concittadini, aderendo alla nostra azione che è l’azione della città».









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora