venerdì 19 luglio 2024

09/07/2024 18:49:17 - Manduria - Attualità

«Mi riconduce ai tempi, ormai lontani, in cui mio padre mi portava alle esibizioni della banda musicale e per noi ragazzi il passaggio del complesso per le strade era un’occasione festosa e gioiosa». La risposta del presidente Gregorio Di Giacomo

Il cardinale Fernando Filoni, nato a Manduria, scrive all’associazione di promozione sociale “Walter Tommasino” per rimarcare la valenza sociale e culturale della decisione di far rivivere il complesso orchestrale “Città di Manduria”.

«Mi riconduce ai tempi, ormai lontani, in cui mio padre mi portava alle esibizioni della banda musicale e per noi ragazzi il passaggio del complesso per le strade era un’occasione festosa e gioiosa: “Passa la banda” e si accorreva.

Manduria ha avuto, in effetti, una forte tradizione, da quel lontano 1874, in cui si era appena formata l’unità d’Italia. Per tanti anni, la città ha avuto un complesso bandistico immancabile in tante festività religiose e civili della Puglia e di altre località. Era un’occasione di competizione e di confronto con altri complessi bandistici e i cosiddetti “fini intenditori” erano la, in prima fila ad ascoltare, applaudire e commentare. I pezzi pregiati operistici, immancabili, permettevano di stabilire la qualità dell’esibizione stessa. Sapere ora che all’interno dell’associazione opera un’orchestra di strumenti a fiato fa sperare che l’antica tradizione trovi nuova vitalità, in linea con la precedente consuetudine musicale manduriana.

Penso che questa iniziativa offrirà ai membri della banda un’occasione unica di elevato valore culturale e sociale, nonché di formazione personale dei concertisti e di tutti gli amanti della buona musica; alla cittadinanza va la fierezza di vedere ripristinata una presenza che porta gioia e unità».

Una missiva che è stata accolta con gioia da tutti i componenti dell’associazione di promozione sociale “Walter Tommasino” di Manduria, il cui presidente Gregorio Di Giacomo ha scritto una risposta alla reverendissima eminenza.

«Infinita è la nostra gratitudine per l’attenzione che ha inteso manifestare nei nostri confronti con la Sua, oltremodo gradita, missiva» rimarca Gregorio Di Giacomo.

«In definitiva, Manduria è pur sempre il Suo paese natale ed il riferimento ad alcuni ricordi dell’infanzia testimonia un non tramontato legame affettuoso.

La nostra cittadina, come purtroppo altri luoghi, ha bisogno di un costante testimonianza dei ministri di Dio, unico rimedio ad un materialismo e ad un nichilismo imperanti.

Cercheremo con tutte le nostre forze di portare avanti le nostre iniziative nell’esclusivo fine di incidere sul tessuto sociale, diffondendo i valori della Fede, della solidarietà, dell’uguaglianza; il cammino è duro, ma non ci spaventa, anche perché sappiamo di poter contare sull’aiuto spirituale di Sua Eminenza; a tal fine ci permettiamo di invocare la Sua costante benedizione e, se e lo consente, aggiungiamo che rimaniamo aggrappati alla nostra speranza che vorremmo vedere concretizzata a breve: la Sua presenza in un prossimo evento che possa consentirci di avvalerci del privilegio della Sua presenza e della Sua parola».









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora