15/04/2019 10:25:48 - Provincia di Taranto - Attualità

La paura di ammalarsi: l’incubo di un colpo di tosse o anche di una semplice febbre

 

Ancora una conta dei morti, ancora un primato negativo. Con 548 decessi dovuti a malattie professionali tra il 2013 e il 2017, secondo gli Open Data dell’Inail, Taranto è al primo posto fra le 107 province italiane, seguita da Torino, Napoli, Genova e Milano. In Puglia, Bari è al 41° posto, Lecce al 64°. Ed ancora – sulla base dei dati dell’anagrafe negli anni 2010-2018 -, elaborata una mappa della città spaccata in due: una zona rossa a nord, coincidente con l’area industriale, caratterizzata da una più alta incidenza della mortalità della popolazione, e l’altra a sud in verde, dal Borgo sino a Lama Talsano San Vito, caratterizzata da minore incidenza.

Sono alcuni degli elementi (i dati Inail elaborati da Stefano Cervellera, Dipartimento Jonico Uniba; i dati dell’anagrafe elaborati invece da Valerio Gennaro, Stefano Cervellera, Antonello Russo e Emilio Gianicolo) emersi nel corso del convegno nazionale organizzato da Medicina Democratica ed altre 15 associazioni sul tema «Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita», a Taranto (presso il Centro Polivalente «Giovanni Paolo II» al quartiere Tamburi), nella città emblema delle emissioni di diossina e della mortalità per tumori al polmone.

Il convegno apre al confronto con altre realtà nazionali, ma soprattutto mira a fare emergere proposte a favore dei lavoratori e della popolazione.

Non manca il racconto della quotidianità nel quartiere più difficile, i Tamburi. E, soprattutto, non manca la voce delle mamme che raccontano non solo di come e quanto siano compromessi i diritti al gioco ed all’istruzione per i propri bambini. Ma anche di quella convivenza quotidiana con la paura di ammalarsi e di quanto sia un incubo un colpo di tosse o anche una semplice febbre. E poi c’è quella pietosa bugia. Man mano che la copertura dei parchi minerali prende forma, soprattutto ora che è diventata bianca, ai bambini che vogliono sapere cos’è, le mamme hanno una risposta sola: «Stanno costruendo una pista da sci».

Il dibattito dell’intera giornata è serrato. Traendo le conclusioni e confermando l’impegno di Medicina Democratica come parte civile in tutti i gradi di giudizio nei procedimenti giudiziari in corso, il presidente nazionale Marco Caldiroli, afferma: «È emersa oggi una condivisione di temi e iniziative su cui fare convergere, ognuno in autonomia, le iniziative dei comitati e delle associazioni, a partire dal riconoscimento del legame tra tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e la promozione della salute nei luoghi di vita. Occorre partire dalla critica dei processi produttivi insopportabilmente impattanti – precisa -. La strada è quella di una modifica radicale e tempestiva dei processi produttivi e la chiusura di quelli che non si intende attuare a ciclo chiuso o modificare all'origine».



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora