10/08/2019 08:00:04 - Maruggio - Attualità

Chiesto un incontro all’Amministrazione di Maruggio

 

«Maggiore vigilanza, più sicurezza stradale e attenzione all’ambiente e all’assetto urbanistico».

Sono le richieste avanzate dai soci dell’associazione “Tutela Ambiente Campomarino”, che si è riunita in assemblea plenaria nei giorni scorsi. Associazione composta da piccoli proprietari di case e villette, i quali hanno dibattuto sui disagi relativi alla vigilanza, alla sicurezza stradale, all’ambiente e all’assetto urbanistico di Campomarino, con particolare riferimento al territorio compreso tra la contrada “Capoccia Scorcialupi” e la torre saracena.

«L’Amministrazione del Comune di Maruggio, nonostante sia stata informata dei gravi atti vandalici e di furti con  scasso ai danni di proprietari di una trentina di case e villette, effettuati ad opera di una banda organizzata di balordi che da anni circola indisturbata nella zona, non ha ritenuto accogliere la richiesta di convocazione della rappresentanza dell’associazione “Tutela Ambiente Campomarino”, come da richiesta formale effettuata il 29 luglio scorso, protocollata presso gli uffici comunali» si legge nel documento finale stilato e approvato dall’assemblea dei soci. «Tale inspiegabile silenzio da parte del Comune di Maruggio, fin qui registrato, ha preoccupato non poco i cittadini presenti all’assemblea, i quali temono una pericolosa evoluzione dell’attività delinquenziale nel territorio».

L’associazione rinnova pertanto l’invito al confronto.

«Pertanto, l’assemblea rinnova l’invito agli Amministratori del Comune di Maruggio a un responsabile dialogo con l’associazione “Tutela Ambiente Campomarino” sui vari temi trattati, primi fra tutti la vigilanza e la sicurezza stradale» si legge ancora nel documento. «La sicurezza stradale di Campomarino è precaria per le pessime condizioni del manto stradale delle principali strade di scorrimento per l’accesso alla litoranea e per i noti allagamenti che mettono a repentaglio la incolumità dei cittadini. Inoltre l’assemblea ha sottolineato la necessità di abbattere le barriere architettoniche e di riservare idonei spazi per l’accesso al mare ai portatori di handicap.

Il disordine nella raccolta differenziata, la mancata manutenzione e pulizia delle spiagge, l’assenza di fontanelle di acqua potabile, il disordine toponomastico, il pericolo caduta di molti pali elettrici e telefonici» si chiude il documento dell’assemblea, «fanno di Campomarino un luogo estivo ad alto rischio per la salute dei cittadini per possibili incidenti».



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora