27/09/2019 09:45:19 - Maruggio - Attualità

Il sindaco di Maruggio Alfredo Longo ha emesso un’ordinanza che vieta l’utilizzo di specie animale selvatiche ed esotiche in attività di spettacolo e intrattenimento pubblico

Stop al circo con grandi felini e animali esotici.

Il sindaco di Maruggio Alfredo Longo ha emesso un’ordinanza che vieta l’utilizzo di specie animale selvatiche ed esotiche in attività di spettacolo e intrattenimento pubblico.

Un forte atto amministrativo, che mira soprattutto alla tutela della specie animale e, di conseguenza, alla tutela dell’igiene pubblica, dell’incolumità pubblica, della sicurezza urbana, prevenendo anche eventuali emergenze sanitarie.

Lo stop arriva, quindi, per gli animali di specie il cui modello gestionale non è compatibile con la detenzione in una struttura mobile e in particolare: primati, delfini, lupi, orsi, grandi felini, foche, elefanti, rinoceronti, ippopotami, giraffe e rapaci. E’ consentito, invece, l’attendamento esclusivamente ai circhi e alle mostre zoologiche itineranti aventi al seguito animali come zebre, camelidi, bisonti, bufali e struzzi, rispettando però degli obblighi e dei requisiti strutturali molto rigidi come lo spazio da destinare agli stessi e relativi comfort.

Inoltre è fatto obbligo ai circhi di adottare alcune misure di sicurezza e protezione, tra cui assicurare i ricoveri degli animali in un perimetro recintato, disporre di un piano di emergenza in caso di fuga degli animali, assicurare l’assistenza veterinaria. Qualora venga riscontrata la mancanza dei requisiti richiesti, il Comune non provvederà al rilascio del provvedimento autorizzativo. In caso, invece, di violazioni a carico di un circo già autorizzato, verrà comminata la revoca dell’autorizzazione con una sanzione amministrativa di 500 euro.

«Ho sempre guardato al circo con ammirazione» il commento di Alfredo Longo. «La vita dei circensi è certamente difficile da sopportare tra allenamenti continui e spostamenti rapidi. L’attività circense, poi, ha origini millenarie ed è giusto che ancora oggi riceva contributi statali per poter sopravvivere. Ma perché costringere un leone o qualsiasi altro animale esotico ad una vita in gabbia per il solo gusto di poterlo far vedere a qualche spettatore curioso? A Maruggio il circo è il benvenuto ma con questa nuova ordinanza sindacale abbiamo finalmente detto basta all’utilizzo di specie animali che dovrebbero vivere solo nel loro ambiente naturale. Continueremo a preferire e ammirare la sola dote artistica dell’uomo e siamo certi che uomini forzuti, pagliacci e giocolieri riusciranno a donarci stupore ed emozione lasciandoci la coscienza un po’ più pulita».



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora