martedì 24 novembre 2020

27/07/2020 09:08:46 - Manduria - Politica

«C’è bisogno dell’impegno di tutti per arginare un progetto in atto da decenni, finalizzato a dirottare nella nostra zona le peggiori schifezze: dalla centrale nucleare sino al depuratore consortile, passando per la Regionale 8»

«I tempi sono maturi per creare un movimento ambientalista popolare. C’è bisogno dell’impegno di tutti per arginare un progetto in atto da decenni, finalizzato a dirottare nella nostra zona le peggiori schifezze: dalla centrale nucleare sino al depuratore consortile, passando per la Regionale 8 che, pur se progettata oltre 40 anni fa, qualcuno di ostina a definire “opera innovativa”».

Spiazzando tutti, Francesco Di Lauro, avvocato, con una vocazione ambientalista innata, ha deciso di scendere in campo alle prossime Comunali: si candida, da indipendente, nella lista “Manduria Noscia”, la cui “guida” è Mimmo Breccia.

«Perché mi sono candidato? Voglio innanzitutto contribuire a portare l’attenzione, nella campagna elettorale, su tematiche che sembrano sopite: depuratore, discariche, cattivi odori, Regionale 8» afferma Di Lauro, già in prima linea per difendere l’ambiente negli anni ’80, accanto agli antinuclearisti. «Auspico la creazione di un movimento ambientalista popolare, magari trasversale, che possa incidere sulle decisioni del prossimo Consiglio comunale. Sinora in gran parte della popolazione manduriana è mancato il senso civico: si è affidata, per anni, sempre ai soliti politici (a Manduria, in Regione e anche a Roma), che, in forma attiva o nel retrobottega, non hanno mai realmente lavorato per la crescita del nostro territorio. Anzi, al contrario, hanno pensato a questa zona solo per dirottare quanto di peggio sia stato progettato.

Perché ho scelto Mimmo Breccia? Avrei voluto essere presente con una mia lista, ma, anche a causa del lockdown, non ho avuto il tempo e non disponevo di una struttura organizzata per allestirla. Ho accettato l’invito di Breccia per vari motivi. Innanzitutto ho avuto modo di conoscerlo nelle varie lotte contro l’ubicazione del depuratore. Mi ha poi consentito di candidarmi da indipendente e, aggiungo, io potrò fornire il mio contributo su tematiche che mi stanno al cuore (oltre all’ambiente, la cultura, l’arte, il turismo). Gli altri schieramenti? Quello guidato da Pecoraro mi aveva contattato alcuni mesi fa, per poi rifarsi sentire, dopo un lungo silenzio, in ritardo. Noto con piacere che vi sono candidati sensibili alle tematiche ambientali in quasi tutte le coalizioni. Il mio auspicio è che poi si possa fare quadrato tutti insieme. Non ho l’età per l’ottimismo, ma neppure l’indole di gettare la spugna».

Di Lauro, infine, annuncia il disimpegno per le Regionali.

«Conosciamo bene tutti i candidati a governatore: da ognuno di loro, alla luce delle loro pregresse esperienze, non mi aspetto nulla di buono…».




img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora