giovedì 25 febbraio 2021

23/02/2021 19:53:20 - Salento - Attualità

Allo stato attuale, nessuno sa chi potrà recarsi o meno domani a scuola. Emiliano vorrebbe rimuovere il limite del 50% alla presenza contemporanea nelle classi, ma nello stesso tempo intenderebbe tutelare la salute di docenti e alunni…

Conoscendo Emiliano, era scontata l’emanazione di una nuova ordinanza. In pieno marasma e a tarda serata, ora docenti e famiglie dovranno attendere la decisione dei governatore per capire cosa si potrà fare e cosa non si potrà fare domani.

Ancora una volta sembrerebbe, leggendo il post di Emiliano (che vi proponiamo integralmente) che si ritorni alla didattica a domanda… In piena contraddizione, ovvero, da una parte la Regione sostiene che i rischi di contagio derivanti dalla diffusione della variante inglese sono alti; dall’altra, però, toglie il limite del 50% degli alunni in presenza e lascia di nuovo ai genitori la responsabilità di mandare o meno i propri figli a scuola.

Ma se realmente i pericoli sono così elevati, perché non chiudere tutto come nel marzo scorso? Altrimenti si consenta la didattica in presenza.

Ecco il post di Emiliano, che giuridicamente non vale nulla: occorre aspettare nella tarda serata la nuova ordinanza…

 

«In seguito all’odierno provvedimento del Tar di Bari, sto per emettere una nuova ordinanza  per la prevenzione della “variante inglese” e per la esecuzione del piano vaccinale nelle scuole.

Saranno apportate solo piccole modifiche che spero non incideranno troppo sull’assetto organizzativo che le scuole si erano già date per affrontare le prossime due settimane.

Il provvedimento che ha accolto in via di urgenza la richiesta di sospensiva della mia ultima ordinanza sulla scuola, ipotizza:

1. che la esecuzione della campagna vaccinale della scuola sarà più lunga del periodo di vigenza della ordinanza stessa;

2. che per tale motivo si deve ritenere che la ordinanza stessa sarà inevitabilmente prorogata;

3. che tale eventuale proroga sacrificherebbe troppo a lungo il diritto alla didattica in presenza degli studenti introducendo - per la ammissione alla didattica in presenza per ragioni familiari non diversamente affrontabili - un limite di presenza massima del 50% in ogni classe, giudicato troppo restrittivo;

I provvedimenti dei giudici non si discutono, se non impugnandoli e quindi mi atterrò a questa regola.

Cerco comunque di spiegare cosa sta succedendo.

È stata sospesa una mia ordinanza finalizzata a salvaguardare la vita del personale della scuola in vista dell’esplosione della pericolosa “variante inglese”.

La sospensione è stata concessa per evitare un danno al diritto alla frequenza in presenza, non essendoci dubbio che la scuola pugliese ha anche un mezzo alternativo di didattica che è quella digitale integrata a distanza.

In ogni caso, per evitare contrasti col provvedimento del giudice, sto per emettere un’ordinanza che lega la temporanea sospensione della didattica in presenza ad un termine per la esecuzione della campagna vaccinale nelle scuole.

Con questo si soddisfa un’esplicita richiesta di motivazione.

Sono costretto ad intervenire per evitare che domani le scuole siano improvvisamente invase, in mancanza di provvedimenti di regolazione sanitaria, da tutti gli studenti in presenza con danno gravissimo per la salute del personale scolastico in piena pandemia da “variante inglese” che ormai sta sostituendo le altre meno pericolose e meno contagiose.

Tale sospensione della didattica in presenza era stata richiesta unanimemente da tutti i sindacati dalla stragrande maggioranza delle famiglie, sul presupposto del pericolo che un’insufficienza della prevenzione di infortuni sul lavoro da parte delle scuole, potesse pregiudicare la vita e la salute del personale scolastico non ancora vaccinato. Proprio mentre i vaccini si sono resi finalmente disponibili.

Ritenendo fondata questa posizione del sindacato, adotterò immediatamente un’altra ordinanza che, tenendo conto dei rilievi del giudice, tuteli comunque la vita del personale scolastico agganciando la durata della campagna vaccinale per le scuole al periodo di vigenza della ordinanza, rimuovendo il limite del 50% alla presenza contemporanea nelle classi.

Verrà comunque reintrodotto il diritto alla scelta della didattica integrata a distanza da parte delle famiglie che ne faranno richiesta nell’esercizio del diritto alla salute di ciascuno studente e della famiglia stessa per evitare che qualcuno possa essere costretto da interpretazioni errate a frequentare in presenza nonostante la grave pandemia in atto».




img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora