giovedì 17 giugno 2021

11/05/2021 12:03:02 - Provincia di Taranto - Attualità

L’eccesso di mortalità si ricava raffrontando la mortalità dei quartieri più inquinati con quella regionale

Il 12 e 13 maggio si terrà una manifestazione nazionale a Roma per chiedere la chiusura dell'area a caldo dell'ILVA. I manifestanti fanno propri i dati dell'ultima indagine epidemiologica elaborata con i dati dell'anagrafe comunale e che evidenziano eccessi di mortalità nei quartieri esposti all'inquinamento industriale.

I dati più preoccupanti sono quelli che emergono effettuando un confronto fra la mortalità dei quartieri più vicini all'area industriale e i dati regionali.

Basta un solo dato relativo al 2019: 181 decessi in più rispetto all’atteso confrontando i quartieri di Taranto più esposti all’inquinamento con il dato regionale.

Eccessi di mortalità a Taranto nei quartieri più vicini al polo industriale: ben 181 decessi in più rispetto all’atteso nel solo 2019.

La manifestazione del 12 e 13 maggio a Roma chiede la chiusura dell’area a caldo dell’ILVA di Taranto. Una delle ragioni che sta alla base della manifestazione è la viva preoccupazione per lo stato di salute della popolazione. 

Quattro ricercatori hanno sviluppato uno studio sulla mortalità a Taranto da cui emergono eccessi statisticamente significativi nei quartieri più vicini all'area a caldo dell'ILVA (la più inquinante, costituita da cokerie, agglomerato, altoforni e acciaierie). Basta un solo dato relativo al 2019: 181 decessi in più rispetto all’atteso confrontando i quartieri di Taranto più esposti all’inquinamento con il dato regionale.

Tale studio è stato condotto da un epidemiologo, due statistici e un docente di Igiene e Prevenzione Ambientale, rispettivamente Valerio Gennaro, Stefano Cervellera, Carlo Cusatelli e Alessandro Miani.

 

LA NOVITA’ DI QUESTO STUDIO

E’ lo studio epidemiologico più aggiornato.

L'aspetto particolarmente interessante della ricerca sta nel fatto che offre i dati più aggiornati in assoluto, giungendo fino al 31 dicembre 2020, utilizzando i dati dell'anagrafe comunale.

I dati sono così preoccupanti che il Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, li ha immediatamente trasmessi al Governo e in questi giorni sono sui tavoli dei ministri Roberto Cingolani (Transizione ecologica), Roberto Speranza (Salute) e Giancarlo Giorgetti (Sviluppo economico).

 

RAFFRONTO QUARTIERI CON REGIONE

Nel 2019 ben 93 donne e 88 uomini sono morti in più dell’atteso (calcolato su base regionale) nell’area vicina al polo industriale

 

Confrontando i dati cittadini di mortalità con quelli regionali la situazione appare ancora più grave:

 

UOMINI anno 2019

  • 40 uomini morti in eccesso nel quartiere Paolo VI (+68% rispetto al dato regionale)
  • 48 uomini morti in eccesso nel quartiere Borgo-Città Vecchia (+25% rispetto al dato regionale)

Totale: 88 uomini morti in più dell’atteso calcolato su base regionale.

Nel quartiere Tamburi si registra un eccesso di mortalità di 14 uomini, dato però non considerato “statisticamente significativo” se si assume un intervallo di confidenza del 90%. Tuttavia un significativo eccesso di mortalità (+41%) si era registrato nell’anno precedente (2018) nel quartiere Tamburi quando erano deceduti 27 uomini in più dell’atteso. 

 

DONNE anno 2019

Ma ciò che colpisce particolarmente nel raffronto con i dati regionali è l’eccesso di mortalità femminile nel 2019 registrata nei quartieri più vicini all’area industriale:

  • 21 donne morte in eccesso nel quartiere Paolo VI (+41% rispetto al dato regionale)
  • 20 donne morte in eccesso nel quartiere Tamburi (+26% rispetto al dato regionale)
  • 52 donne morte in eccesso nel quartiere Borgo-Città Vecchia (+21% rispetto al dato regionale)

Totale: 93 donne morte in più dell’atteso calcolato su base regionale.

Totale complessivo (maschi+femmine): 181 decessi in più dell’atteso calcolato su base regionale nel 2019.

I dati 2020 della Regione Puglia non sono disponibili e quindi il raffronto si può effettuare fino al 31 dicembre 2019.

 

RAFFRONTO QUARTIERI CON CITTA’

Nel 2020 ben 60 decessi fra gli uomini residenti più vicini al polo industriale (rispetto al dato atteso calcolato su base comunale).

Dalla ricerca emerge che a Taranto si è registrato un eccesso di mortalità statisticamente significativo nel 2020 tra gli uomini del quartiere Tamburi e del quartiere Borgo-Città Vecchia (ossia del centro di Taranto). Per la precisione nel 2020 sono morti 60 uomini in più in questi quartieri che sono più vicini agli impianti dell’area a caldo dell’ILVA. Dei 60 decessi in eccesso 18 sono avvenuti nel quartiere Tamburi e 42 sono avvenuti nel più popoloso quartiere Borgo-Città Vecchia.

Tale dato è stato ricavato dai ricercatori confrontando i dati di mortalità (per tutte le cause) dei quartieri più vicini all’area industriale con il dato comunale della città di Taranto.

Da un punto di vista percentuale i dati sono questi:

  • +25% rispetto al dato comunale per uomini del quartiere Tamburi
  • +20% rispetto al dato comunale per uomini del quartiere Borgo-Città Vecchia

Per le donne il dato del 2020 non appare statisticamente significativo con un intervallo di confidenza del 90% pur registrando un eccesso di decessi pari a 48 unità (sommando i quartieri Tamburi, Borgo-Città Vecchia e Paolo VI).







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora