domenica 19 settembre 2021

05/08/2021 07:25:35 - Salento - Attualità

Per gli over 18 il prezzo si aggirerà tra i 12 e i 15 euro mentre per i giovanissimi, il prezzo sarà ancora più scontato e alla fine dovrebbe essere intorno ai 7-8 euro

Nel decreto che dovrebbe essere approvato oggi scatterà l’obbligo del certificato verde per i trasporti a lunga percorrenza (aerei, treni e traghetti)

I punti chiave

L'ulteriore estensione del green pass è al centro del nuovo decreto atteso oggi in Consiglio dei Ministri. Oltre ai trasporti a lunga percorrenza - il pass sarà richiesto per i viaggi “nazionali” (su treni, aerei, navi), ma non sul trasporto locale - e alla scuola, l'obbligo di green pass potrebbe essere esteso anche a chi lavora nei settori dove da venerdì 6 agosto si accederà solo se muniti di carta verde fiere: fiere, congressi, musei, parchi divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema, concerti, bar e ristoranti al chiuso, oltre a piscine e palestre, limitatamente alle attività al chiuso.

Verso il green pass nei trasporti

Quest’ultima misura viene considerata «ragionevole» dal Governo visto che sarebbe paradossale chiedere il green pass a chi va al ristorante ma non a chi ci lavora. L'obbligo non dovrebbe però entrare subito in vigore per non mandare in tilt gli esercenti, ma potrebbe slittare almeno a fine agosto. Così come le misure sul green pass nei trasporti: si ipotizza dal 23 agosto. Oggi il Governo sentirà le Regioni sul decreto prima della cabina di regìa attesa anche questa per giovedì.

Treni veloci a pieno carico

In particolare i treni veloci nazionali dovrebbero tornare a correre a pieno carico con il 100% dei passeggeri, a patto che questi siano muniti del green pass. Carta verde obbligatoria anche a bordo di aerei nelle tratte nazionali (per quelli all'estero già è in uso) e sui traghetti e gli aliscafi. La capienza al 100%, oggi è al 50% (per Trenitalia mentre Italo è al 100% grazie ai filtri dell'aria impiegati sui suoi treni), riguarderà i convogli a media lunga percorrenza che prevedono la prenotazione in cui potrebbe entrare già l'inserimento del green pass che sarà poi controllato a bordo dal personale. Sarà escluso il ricorso al pass nei treni regionali e in tutto il trasporto pubblico locale anche se continua il pressing per renderlo obbligatorio in autunno.

Scuole, verso il green pass per i docenti

Anche per rientrare in classe a settembre potrebbe servire il green pass. È una delle ipotesi sul tavolo del governo in vista del Consiglio dei ministri di giovedì che dovrà decidere il nuovo giro di vite nella lotta alla pandemia in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico. Per il personale scolastico, l’ipotesi che circola in queste ore in ambienti di maggioranza, sarebbe quella di introdurre l’obbligo del pass, anche considerando che l’incidenza di vaccinati tra insegnanti e personale amministrativo è già altissima, dell’85% circa. Sono invece quattro le Regioni che registrano un numero consistente di scettici del vaccino tra i prof (Sicilia, Liguria, Sardegna e Calabria). Resta in campo, ma è meno probabile, l’ipotesi di intraprendere percorsi specifici con misure ad hoc, come la Dad, laddove il numero di immunizzazioni fosse stato ancora basso. Nessun green pass comunque, è previsto al momento per gli studenti.

Tamponi rapidi, prezzi dimezzati

Intanto la conferenza Stato-Regioni dovrebbe dare il via libera al doppio protocollo (uno con le farmacie l'altro con le strutture sanitarie private accreditate) che di fatto dimezzerà il costo attuale dei test antigenici - oggi si aggirano tra i 20 e i 35 euro in media - fino al 30 settembre per agevolare l'ingresso nei locali dove è richiesto il green pass. Per gli over 18 il prezzo si aggirerà tra i 12 e i 15 euro mentre per i giovanissimi, il prezzo sarà ancora più scontato e alla fine dovrebbe essere intorno ai 7-8 euro.









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora