domenica 19 settembre 2021

23/08/2021 07:50:52 - Maruggio - Attualitą

I suoi capolavori li crea utilizzando materiale, anche povero, che trova in natura, come rametti di alberelli e piante, muschio, piccoli ciottoli, poca ghiaia e sabbia, pezzi di fil di ferro inutilizzati, pezzi di polistirolo, di legno e di sughero, che diversamente andrebbero buttati

Francesco Vaccarella è un affermato maestro presepista. Nato a Manduria e cittadino di Maruggio da sempre, ormai noto nei paesi e nelle città limitrofe della Puglia e non solo. A Manduria ha partecipato ad esempio alla manifestazione “Rosso Inchiostro” nel 2013 ed anche qui egli ha raccolto apprezzamenti anche da altri presepisti che, complimentandosi, ne hanno riconosciuto la superiorità delle sue opere vere e proprie. La sua arte è stata apprezzata anche in altre città, come ad esempio Verona, giusto per citarne una.

E’ conosciuto anche all’estero, come negli USA, perchè le sue opere, a volte grandiose anche nelle dimensioni, sono state ammirate ed accaparrate da turisti nelle varie feste ed eventi annuali tipici di Maruggio; oltre alla festa patronale del paese e quella denominata “La strada dei saperi e dei sapori”, giunta alla 15ª edizione, ed all’iniziativa “I presepi in famiglia”.

I riconoscimenti e le premiazioni se le è guadagnate tutte, man mano che si affinava ed ingegnava. La passione nel creare dei bei presepi o solo la Natività egli l'ha sempre avuta, sin dalla tenera età, quando ad ammirare erano solo i familiari e il vicinato. Appartiene egli ad una famiglia numerosa, con tante sorelle ed un fratello ed erano tutti tappezzieri molto rifiniti e ricercati, come i loro genitori. Ad oggi si è dedicato anche a laboratori di insegnamento tecnico-pratico per bambini e ragazzini.

Il maestro Francesco, da tutti a Maruggio chiamato Franco per via della sua grande umiltà e bontà, realizza i suoi presepi nell'interezza di questi o crea solo Natività, ma anche tanti accessori che possono essere utilizzati da chi vuol arricchire un presepe personale, come fontane, porte e portoni, finestrine anche con tendine, balconcini, bancarelle in miniatura dei pupi commercianti, e tanto altro.

Negli ultimi anni, oltre ai presepi, ha realizzato varie altre opere, come un vero e proprio carretto con ruote, col quale sposta le sue creazioni in base al luogo delle feste, mobiletti e dispense in miniatura, barchette di pescatori con tutto il corredo, che poi dipinge, sempre a mano. I suoi capolavori li crea utilizzando materiale, anche povero, che trova in natura, come rametti di alberelli e piante, muschio, piccoli ciottoli, poca ghiaia e sabbia, pezzi di fil di ferro inutilizzati, pezzi di polistirolo, di legno e di sughero, che diversamente andrebbero buttati. Li unisce sapientemente con semplice colla o a incastro, assieme a ciò che crea a mano, come tegole, cordoncini, piccoli animali, piccolissimi vasellami con cui arricchisce le scenografie di piccole casette povere presenti nei presepi, che diventano, quindi, scena nella scena. Quest’ultima è una vera particolarità! Dalle sue sapienti mani esce, da meraviglia, frutta, che posiziona nelle cassette dei piccoli venditori ambulanti delle varie ambientazioni dei presepi, e, se il tempo a disposizione lo permette, piccoli personaggi.

E così, Maruggio e i maruggesi, che tanto lo stimano anche per i suoi pregi oltre che per il suo innato talento, col quale ha contribuito a tenere alto il nome di questo paese (che tra l’altro è risultato essere uno dei borghi più belli d'Italia), hanno voluto riconoscergli questa onorificenza.

La cerimonia avrà luogo domani, alle 12,30.









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora