martedì 26 ottobre 2021

11/10/2021 07:28:57 - Puglia - Attualità

Interessati gli over 60 e tutti i pazienti fragili

Via libera del ministero alla terza dose per gli over 60.A chi è raccomandato, cosa fare con il green pass, come funzionerà per chi ha ricevuto Astrazeneca: cosa c’è da sapere.

A chi è raccomandata la terza dose?

Va innanzitutto fatta una distinzione fra dosi addizionali e dosi booster, o richiami. Le prime sono considerate un completamento del ciclo vaccinale primario (due dosi) in persone il cui sistema immunitario, per problemi di immunodepressione, non ha risposto sufficientemente alle prime due dosi. Il booster-richiamo è invece inteso come una sorta di ulteriore scossa al sistema immunitario nelle persone che pur avendo risposto sufficientemente al ciclo primario hanno bisogno di avere un prolungamento della loro protezione.

La terza dose è obbligatoria?

No, anche in questa fase della campagna vaccinale non c’è obbligatorietà. La circolare pubblicata venerdì 8 dal ministero della Salute ne «raccomanda l’utilizzo» nelle categorie elencate.

La terza dose sarà necessaria per aver confermato il green pass alla scadenza dei 12 mesi di validità attualmente previsti?

Al momento non è stato emanato alcun provvedimento che prevede la terza dose come requisito per la conferma del green pass.

A chi è raccomandata la terza dose addizionale?

Alle persone con immunodepressione di vario tipo tra cui trapianti d’organo o a altre condizioni contenute in un elenco del ministero della salute, o con immunodeficienza o in cura con chemioterapia.

A chi è raccomandata la terza dose booster?

E’ indicata progressivamente a persone di età uguale o superiore a 80 anni, personale e ospiti delle residenze per anziani, operatori sanitari che svolgono l’attività in strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, persone con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti (come diabete, cirrosi epatica, sindrome di down, malattie ischemiche, scompenso cardiaco). E, in progressione, a tutti i soggetti di età uguale o superiore a 60 anni.

Quale vaccino sarà somministrato come terza dose addizionale e booster?

Per l’addizionale è possibile utilizzare uno dei due vaccini a m-Rna autorizzati in Italia, Pfizer/BioNTech e Moderna. Per la dose di richiamo al momento è indicato il solo vaccino Pfizer/BioNTech che ha ricevuto l’autorizzazione dall’agenzia europea Ema per questo impiego.

Chi ha già ricevuto due dosi del vaccino AstraZeneca o una dose di quello Johnson & Johnson (ambedue basati sulla tecnologia del vettore virale) può ricevere la terza dose addizionale o di richiamo utilizzando un vaccino a m-Rna?

Sì, è stato dimostrato che la vaccinazione cosiddetta eterologa oltre a non avere effetti collaterali sembra garantire una protezione perfino superiore all’omologa.

Rientro nelle categorie alle quali viene raccomandato il richiamo. Fra quanto mi devo vaccinare?

Dopo almeno sei mesi dal completamento del ciclo primario di vaccinazione. Quindi se ho ricevuto la seconda dose a ottobre potrò ricevere la terza non prima di aprile.

La vaccinazione parallela Covid-influenza a quali categorie viene offerta?

Potrebbe essere offerta a tutti i soggetti per i quali c’è indicazione ad entrambe le vaccinazioni. Ciò non deve comunque comportare un ritardo di nessuna delle due vaccinazione. Non è indispensabile farle insieme.

 

Fonte: rete







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora