martedì 26 ottobre 2021

12/10/2021 09:21:36 - Puglia - Attualità

Sanzionata la società che attiva telefonicamente un servizio non richiesto espressamente. Non regge la scusa del fraintendimento fra operatore e cliente: il consenso dev’essere registrato

Numerosissime sono le segnalazioni dei consumatori per lamentare l’attivazione di servizi non richiesti sia sulla linea telefonica mobile che fissa. In tale ottica arriva la linea dura sulla privacy dei cittadini: rischia una sanzione salata la società che attiva telefonicamente un servizio non richiesto espressamente dal cliente, soprattutto in violazione dell’acquisizione dei dati personali.

È quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con l’ordinanza n. 27554 dell’11 ottobre 2021, ha respinto il ricorso di una nota compagnia di telefonia mobile. Nel caso sottoposto all’esame degli Ermellini era stato attivato, dopo una chiamata fatta dal cliente alla società, un ampliamento della scheda prepagata. In più i dati personali non erano stati trattati secondo le norme sulla privacy. Per questo era scattata una salata sanzione amministrativa oggi resa definitiva in sede di legittimità.







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora