domenica 23 gennaio 2022

15/10/2021 19:11:02 - Puglia - Attualità

Intanto nelle farmacie della regione - stima Federfarma Puglia - si registra un aumento tra il 30 e il 40% di richiesta di tamponi Covid finalizzati all'ottenimento del green pass

Il green pass fa il suo debutto in Puglia tra flop delle proteste e servizi regolari, senza blocchi né problemi. Si temevano l'assalto alle farmacie per i tamponi, le code in uffici pubblici e aziende all'orario di ingresso dei dipendenti, manifestazioni di protesta e, soprattutto, blocchi e disservizi nei trasporti.

Nulla di tutto questo è avvenuto in Puglia, dove l'entrata in vigore dell'obbligo del green pass anche sui luoghi di lavoro non ha fatto registrare criticità.

Merito, prevalentemente, della elevata copertura vaccinale nella regione di quasi tutte le categorie professionali.

Unico caso da segnalare è quello delle lunghe code a due dei sette tornelli dello stabilimento siderurgico Acciaierie d'Italia (ex Ilva) di Taranto, a causa di un problema tecnico legato al badge disabilitato degli operai dell'indotto per un errore di comunicazione, che ha creato ritardi nell'avvio dell'attività lavorativa.

Come previsto, inoltre, nei porti pugliesi, quello di Taranto e quelli adriatici di Manfredonia, Barletta, Bari, Monopoli e Brindisi, dove la percentuale di vaccinazione tra i dipendenti portuali raggiunge il 99% di copertura, non ci sono stati blocchi per proteste o disservizi per assenza di personale.

Intanto nelle farmacie della regione - stima Federfarma Puglia - si registra un aumento tra il 30 e il 40% di richiesta di tamponi Covid finalizzati all'ottenimento del green pass.







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora