lunedì 29 novembre 2021

19/11/2021 07:03:37 - Salento - Attualità

L’Esercito, oltre che partecipare alle attività belliche, contribuì alla costruzione dell’identità nazionale del popolo italiano

E’ stata inaugurata a Galatone la mostra storica itinerante, allestita dal Comando Militare Esercito (CME) “Puglia”, dedicata alla Grande Guerra e realizzata in occasione del Centenario della Traslazione del Milite Ignoto, nel sacello dell’Altare della Patria.

A premessa dell’inaugurazione si è svolta, presso il teatro comunale, una conferenza intitolata “Storia del Milite Ignoto”, alla quale sono intervenuti: il sindaco Flavio Filoni, il Colonnello Pietro Maraglino, Comandante Militare Esercito Puglia, il docente di storia dei conflitti internazionali dell’Università Aldo Moro di Bari Nicola Neri e il Tenente Colonnello Mauro Lastella, capo sezione Pubblica Informazione del CME Puglia.

Il Colonnello Maraglino, nel ringraziare l’amministrazione di Galatone per la sensibilità dimostrata, ha evidenziato come l’Esercito consideri particolarmente importanti le celebrazioni del centenario del Milite Ignoto anche in virtù del cospicuo numero di militari che tra il 1915 e il 1918 si alternarono nel conflitto.

Durante il suo intervento, il sindaco Filoni ha sottolineato l’importante valore dell’attività che completa e arricchisce la serie di iniziative legate al recente conferimento della cittadinanza onoraria del comune di Galatone al Caduto senza nome.

La conferenza, tenutasi alla presenza di autorità civili e militari delle associazioni Combattentistiche e d’Arma e di una folta rappresentanza di studenti, ha avuto il fine di sottolineare come, durante la prima guerra mondiale, l’Esercito, oltre che partecipare alle attività belliche, contribuì alla costruzione dell’identità nazionale del popolo italiano.

La volontà istituzionale di dedicare ampi spazi alla commemorazione del centenario del Milite Ignoto nasce dall’esigenza di riportare alla memoria gli atti e lo spirito di chi ha vissuto quelle esperienze, combattendo e sacrificandosi per un’unica bandiera e per consolidare il sentimento identitario popolare e la condivisione di valori.

In tale contesto l’Esercito anche in Puglia ha organizzato una serie di attività culturali che hanno coinvolto in particolare le città di Margherita di Savoia (Bt), Ostuni (Br), Corato (Ba) e Galatone (Le).

La mostra, allestita dal CME Puglia con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Alpini, dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, Sezioni di Bari e dei collezionisti privati, Franco Tria e Piero Violante, potrà essere visitata dal 18 al 21  novembre presso il semi ipogeo di Palazzo Marchesale dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 16 alle 20, con ingesso libero e gratuito e in conformità delle disposizioni emanate in tema di contenimento dall’epidemia da Covid -19.







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora