mercoledì 17 agosto 2022

03/01/2022 08:15:29 - Provincia di Taranto - Attualità

«Dopo le autorizzazioni, quei fondi, in tempi rapidi, devono essere riportati lì dove erano in quanto sono fondi che appartengono alla nostra provincia»

Riceviamo, e pubblichiamo, una nota del coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, Dario Iaia.

«Finalmente, buone notizie sul fronte della Regionale 8. Dopo il Paur, arriva anche l’autorizzazione paesaggistica. Ora, l’opera potrebbe andare in gara, ma ciò non è ancora possibile in quanto non ci sono le risorse economiche, i 193 milioni di euro, che servono per finanziarla e che sono stati sottratti dalla giunta Emiliano nel settembre del 2020, in piena campagna elettorale, con la finta motivazione della pandemia e degli aiuti alle aziende.

Dopo le autorizzazioni, quei fondi, in tempi rapidi, devono essere riportati lì dove erano in quanto sono fondi che appartengono alla nostra provincia.

Non ci sono scuse che tengano. Eppure, colpiscono le dichiarazioni di qualche consigliere regionale di maggioranza che, dimenticando di sostenere questo governo regionale che si ricorda di Taranto solo come scorta di poltrone per gli amici, evidenzia che occorre tenere i riflettori puntati su questa opera.

Certamente. Siamo d’accordo, ma ricordi soprattutto al presidente Emiliano che è necessario riappostare le somme che servono per finanziare quest’opera fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio. Capisco che qualche consigliere regionale per giustificare la propria esistenza sia interessato a confondere le acque e non far comprendere al cittadino la paternità delle responsabilità delle azioni di governo, ma la democrazia non funziona quando la maggioranza si camuffa da opposizione e cerca di confondere le acque. In questo modo, non si fa altro che alimentare il qualunquismo che non può che danneggiare la vita e la partecipazione democratica».

 

Dario Iaia

Coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Taranto







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora