giovedì 11 agosto 2022

14/01/2022 09:57:42 - Puglia - Attualità

Dopo un anno di dialisi il rene della piccola aveva smesso di rispondere e l’unico trattamento che avrebbe potuto salvarla era il trapianto: il padre ha donato un suo rene

«C’è una storia, nell’anno record appena chiuso con 123 trapianti d’organo, che ha emozionato tutti».

Comincia così il racconto che il Policlinico di Bari fa di un trapianto di reni da vivente per salvare una bambina di 12 anni da una insufficienza renale terminale.

Il donatore è stato suo padre, detenuto in carcere. Il trapianto è stato eseguito dall'equipe del professor Michele Battaglia, la piccola paziente sta bene ed è sotto osservazione periodica del reparto di nefrologia pediatrica. L'insufficienza renale era stata diagnosticata all'ospedale pediatrico Giovanni XXIII dal dottor Mario Giordano. Dopo un anno di dialisi il rene della piccola aveva smesso di rispondere e l’unico trattamento che avrebbe potuto salvarla era il trapianto. Con l'autorizzazione al prelievo a scopo di trapianto dalla 'commissione terza' e dal magistrato di sorveglianza il padre detenuto ha potuto donare l'organo alla figlia.

«Questo caso ci ha molto coinvolto e impegnato. Al bellissimo atto di amore paterno è corrisposto il grande impegno del centro regionale trapianti per rendere possibile un dono che ha superato tutti gli ostacoli e le barriere per salvare la piccola», commenta il coordinatore del centro regionale trapianti, Loreto Gesualdo. «Dietro ogni trapianto d'organo ci sono storie di grande umanità - aggiunge il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore.







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora