domenica 03 luglio 2022

03/06/2022 08:55:19 - Puglia - Attualità

Lo squilibrio tra «i prezzi da fame» riconosciuti agli agricoltori e quelli di vendita delle ciliegie Ferrovia diventa un caso

Nelle campagne pugliesi dove si fa la raccolta vengono pagate 1,80 euro, ma a Milano nei negozi di frutta costano 10 volte di più: 18 euro al chilo. Lo squilibrio tra «i prezzi da fame» riconosciuti agli agricoltori e quelli di vendita delle ciliegie Ferrovia diventa un caso. Per arrivare sugli scaffali dei negozi di vicinato e della grande distribuzione le ciliegie viaggiano su strada, con l’aumento dei prezzi di benzina e gasolio quindi le spese per i produttori si sono moltiplicate e il margine di redditività diventa sempre più basso.

Le proteste dei produttori

«La situazione è drammatica - dice il produttore Francesco Rella - Molti commercianti stanno acquistando dall’estero, a discapito delle ciliegie di produzione italiana. L’unico prodotto italiano che viene acquistato è la Ferrovia». I produttori in questo modo sono costretti a lasciare le altre tipologie sulla pianta. «Chi vende si giustifica dicendo che non può sostenere i costi dei prodotti italiani a causa dell’aumento del gasolio e del caro energia. Ma anche i produttori hanno lo stesso problema - aggiunge - . Per produrre ciliegie Ferrovia io spendo 30 centesimi al KWh, a luglio 2021 spendevo 6 centesimi. Per compensare questi costi le ciliegie dovrebbero essere pagate almeno 3 euro al chilo, invece riceviamo 1,80 euro. Se parliamo delle altre cultivar poi non superano l’euro».

La denuncia di Coldiretti Puglia

In campagna un chilogrammo di ciliegie costa quanto un caffè, con gli agricoltori che preferiscono regalare le primizie agli indigenti piuttosto che raccoglierle.

«Oltre al danno causato dal maltempo sulle primizie si aggiunge la beffa delle importazioni di ciliegie da Turchia, Grecia e Spagna. Tutto ciò mentre è caduta nel dimenticatoio la legge che obbliga gli esercenti ad indicare chiaramente in etichetta l’origine dei prodotti ortofrutticoli», denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, raccontando quanto sta accadendo in questi giorni a danno del comparto barese.

 







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora