mercoledì 17 agosto 2022

27/06/2022 07:26:11 - Salento - Attualità

A proclamarlo sono le organizzazione sindacali Fials e Cimo che lamentano un carico di lavoro non più sostenibile

«Lo stato di agitazione si rende necessario per segnalare all’intera opinione pubblica i rischi del tracollo della medicina di emergenza urgenza e le ripercussioni sulla popolazione perché il diritto alla cura e alla salute non va in ferie».

E’ un passaggio di una nota delle organizzazioni sindacali professionali Fials e Cimo, le quali rimarcano come, in questo periodo, al pronto soccorso del Perrino si registrino oltre 150 accessi al giorno, ovvero un carico di lavoro che risulta insostenibile per l’organico attuale: la carenza di medici si acuisce sempre di più.

«C’è il rischio che non si riesca a garantire l’assistenza ai pazienti Covid con insufficienza respiratoria, considerando la ripresa dei contagi, per non parlare della riduzione ed abbattimento delle liste d’attesa, oltre 20mila prestazioni specialistiche rinviate».







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora