domenica 16 giugno 2024

18/04/2023 17:15:20 - Puglia - AttualitÓ

«Crediamo indispensabile coinvolgere le organizzazioni sindacali per concertare soluzioni efficaci per l’uso appropriato dei farmaci nell’ottica di una razionalizzazione della spesa farmaceutica»

«Non vorremmo che qualcuno per non perdere il proprio incarico assuma decisioni inappropriate rispetto all’utilizzo dei farmaci, così da penalizzare, di fatto, medici e cittadini rei gli uni di essere malati e gli altri di volerli curare».

A protestare contro le misure adottate ieri dalla Regione Puglia per il contenimento della spesa sanitaria, dopo il buco da 450 milioni di euro registrato nel 2022, è l’intersindacale medica composta da Cgil, Snami, Smi, Simet e Ugs. Tra le misure contestate quella dei limiti alle prescrizioni dei medicinali.

«Ci piacerebbe conoscere - dicono i sindacati - quali direttive e quali criteri seguiranno i direttori generali visto che l’inadempienza comporta la decadenza, per dettato di legge, dal loro incarico. Crediamo indispensabile coinvolgere le organizzazioni sindacali che rappresentano tutti i medici prescrittori quali i dirigenti ospedalieri, gli specialisti ambulatoriali e i medici di Medicina generale per concertare soluzioni efficaci per l’uso appropriato dei farmaci nell’ottica di una razionalizzazione della spesa farmaceutica. Così come bisogna disciplinare il grande capitolo della spesa indotta dai medici che svolgono attività libero professionale le cui prescrizioni ricadono sulla spesa farmaceutica di altri medici».

 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora