martedì 18 giugno 2024

30/06/2023 09:31:25 - Puglia - Attualità

«Rispetto agli anni passati, registriamo un sensibile ritardo sull’emanazione delle previste linee guida da parte della Regione che dovranno orientare nelle prossime settimane/mesi le proposte e le scelte di scuole, Comuni e Province sulla definizione dell’offerta formativa sul territorio pugliese»

 

Riceviamo, e pubblichiamo, un intervento di Roberto Romito, presidente regionale ANP Puglia.

 

«Nulla di definito, ancora, nella riunione presso l’assessorato regionale all’istruzione sul tema del dimensionamento delle scuole.

Rispetto agli anni passati, registriamo un sensibile ritardo sull’emanazione delle previste linee guida da parte della Regione che dovranno orientare nelle prossime settimane/mesi le proposte e le scelte di scuole, Comuni e Province sulla definizione dell’offerta formativa sul territorio pugliese per l’anno scolastico successivo al prossimo, ossia il 2024/2025 e - in tendenza - per almeno due di quelli che lo seguiranno.

Questa situazione è la risultante dello scontro - tutto politico - in corso fra regione Puglia e governo centrale, all’interno del quale spicca il ricorso pugliese alla Corte Costituzionale tendente ad annullare le norme in materia varate dal Parlamento con la legge di bilancio per il 2023. Scontro che vede le forze sindacali alquanto divise fra di loro sulla valutazione dei provvedimenti da adottare, in particolare si differenzia posizione di ANP che è da anni interessata ad un riassetto razionale e stabile del sistema scolastico e della sua dirigenza.

Sullo sfondo, la necessità per la Regione - fermo restando il suo forte dissenso con il Governo - a non doversi vedere da questo commissariata in caso di inerzia nell’adozione dei provvedimenti, che devono essere comunque decisi e varati entro il 31 dicembre prossimo.

Si tenga anche conto che la discussione del ricorso presso l’alta Corte inizierà soltanto il prossimo 27 novembre e che difficilmente si andrà a sentenza in tempi utili a disegnare un diverso scenario. Ciò comporta quindi che, sia pure _obtorto collo_, Regione Puglia li dovrà adottare.

Non torniamo sulla descrizione pedissequa della portata e delle conseguenze delle norme di cui si tratta. L’abbiamo già fatto diffusamente in precedenti puntuali comunicati, a cui rimandiamo (si vedano sulla nostra pagina http://www.anppuglia.it/2023/06/29/dimensionamento-delle-scuole-la-posizione-di-anp-puglia/).

Ci basta ricordare qui che con le nuove norme le scuole intese come luoghi in cui si effettua il servizio di istruzione rimarranno dove sono, nella misura in cui sono, e continueranno a funzionare come previsto. Ciò che cambierà sarà il numero e la dislocazione delle dirigenze scolastiche, che non tutte le scuole oggi possono avere: molte di esse (almeno 56) già oggi hanno un dirigente in reggenza e andranno a reggenza anche nel prossimo anno 2023/2024. Nell’anno scolastico successivo le reggenze, invece, spariranno e ogni scuola, indipendentemente dal numero degli alunni che le frequenteranno, avrà un dirigente stabile (ed un DSGA). Stabilità che non può aversi con la reggenza, che un anno tocca ad uno e l’anno successivo ad un diverso dirigente. I quali, nel corso dei due incarichi cumulativi, avendo due diverse scuole cui badare, devono necessariamente moltiplicarsi per due per gestire “due di tutto”: due consigli di istituto, due collegi dei docenti, due diversi bilanci con due diversi insiemi di finanziamenti e progetti, due diversi piani dell’offerta formativa, due contrattazioni integrative da fare con due diverse compagini sindacali con cui trattare, due piani di attività del personale, due diverse attitudini e capacità professionali del suo principale collaboratore amministrativo (il DSGA, diverso nelle due sedi), due diversi staff di collaboratori, etc.

Crediamo che i cittadini e i loro figli destinatari finali del servizio scolastico non abbiano che da guadagnarci se, invece, il dirigente sarà unico e completamente dedicato alla “nuova” scuola.

Quanto poi ai timori che qualcuno diffonde per spaventare l’opinione pubblica circa il fatto che così facendo si creerebbero unità scolastiche con un numero di alunni troppo alto (si parla, senza verifica, di 1900 o 2000 e più alunni per scuola) si deve tener conto del fatto che le scuole che perderanno l’ufficio di presidenza (che diverrà unico su un’unica scuola formata dalla fusione di due preesistenti scuole) hanno oggi mediamente 500/600 alunni e che potranno quindi, secondo un saggio piano di fusioni e accorpamenti da affidarsi primariamente ai Comuni (molte di queste scuole sono infatti di loro competenza, infanzia, primaria e media) dar luogo a nuove unità scolastiche di dimensioni più che gestibili (un migliaio di alunni). Fermo restando che sarà possibile assegnare, laddove necessario per vari motivi, dirigenze scolastiche stabili anche nei casi di scuole oggi sottodimensionate (nei piccoli comuni o nei comuni con problemi socioeconomici peculiari, zone di montagna, isole, etc.) purché sia salvaguardato il parametro medio (medio, non minimo, lo ribadiamo) di 961 alunni per scuola su tutto il territorio regionale.

Come sindacato maggioritario dei dirigenti daremo il nostro responsabile contributo in tutte le sedi, senza “chiamarci fuori” come altri hanno già fatto, affinché l’obiettivo sia conseguito, vigilando nel contempo su possibili anomalie da evitare. Come sempre facciamo, senza preclusioni ideologiche e con spirito di collaborazione.

Tutto è migliorabile, ma riteniamo dannoso che si rimanga nell’attuale intollerabile situazione.

Di passaggio, notiamo che un eventuale accoglimento del ricorso da parte della Corte Costituzionale ci (ri)porterebbe ad un sistema nel quale nessuna scuola con meno di 600 alunni potrebbe avere dirigente e DSGA stabili.

Cosa è meglio?».









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora