martedì 16 luglio 2024

01/10/2023 07:53:28 - Provincia di Brindisi - Attualità

La neonata si chiama Kone Airon: il nome le è stato dalla mamma, che ha fatto in tempo ad abbracciarla prima del suo peggioramento

È ricoverata in buone condizioni nell'Utin dell’ospedale Perrino la bambina data alla luce da Sephora, una giovane donna arrivata a Brindisi con la Geo Barents e morta pochi giorni dopo il parto. La neonata si chiama Kone Airon: il nome le è stato dalla mamma, che ha fatto in tempo ad abbracciarla prima del suo peggioramento.

La bimba ha 9 giorni di vita, pesa due chili 900 grammi, si alimenta regolarmente e non ha bisogno di ossigeno. Il decorso è quindi regolare e sarà dimessa appena possibile. Come da protocollo è stata subito affidata ai Servizi sociali del Comune di Brindisi.

Il direttore generale della Asl Brindisi Maurizio De Nuccio esprime “profondo dolore per la morte della donna, lo stesso che hanno provato tutti gli operatori sanitari che hanno profuso il massimo impegno nel tentativo, purtroppo vano, di salvarle la vita. Nel dramma vorrei anche condividere la gioia per la nascita di una bella bambina sana, avvenuta in condizioni estreme”.

Gli sforzi messi in campo in maniera sinergica da Prefettura, Questura, Ambasciata e Asl per cercare i familiari della donna, quando le sue condizioni di salute stavano peggiorando, hanno dato i loro risultati. Il papà della bimba è stato rintracciato ieri sera in Tunisia da Drissa Doumbya, presidente della Comunità africana di Brindisi, che, attraverso un’amica di Sephora, è riuscito a contattare sua sorella e poi il marito.

 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora