venerdì 12 aprile 2024

22/02/2024 08:06:48 - Puglia - Attualità

Una pena così alta è conforme alla Costituzione anche perché l’illecito è molto facile da realizzare

Pugno duro contro i furbetti del reddito di cittadinanza. Rischia una condanna da due a sei anni di reclusione chi falsifica i documenti per incassare il reddito di cittadinanza e la pena così alta, conforme alla nostra Carta fondamentale, è giustificata dalla facilità con la quale il reato può essere commesso.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con la sentenza 7528/24 del 21 febbraio 2024, ha respinto il ricorso di un uomo che aveva indebitamente percepito il contributo. Per questo, spiega ancora il Collegio di legittimità, di cui ha scritto il sito Cassazione.net, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il motivo è fondato e, al riguardo, ha ricordato che “ Giustamente l'articolo 7 del d.l. 4 del 2019 punisce con la reclusione da due a sei anni chi, al fine di ottenere indebitamente il reddito di cittadinanza, rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere ovvero omette informazioni dovute e con la reclusione da uno a tre anni chi, fruendo già del beneficio, non comunica le variazioni del reddito o del patrimonio (anche se provenienti da attività irregolari) e le altre informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca o della riduzione del beneficio stesso nei termini previsti dall'art. 3, commi 8, ultimo periodo, 9 e 11.









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora