domenica 19 maggio 2024

10/04/2024 09:23:28 - Puglia - Attualitā

Avviato lo screening genetico sulle prime cinque persone che, tramite l’ambulatorio pancreas dell’istituto, sono state arruolate nel registro IRFARPC, uno studio multicentrico di sorveglianza prospettica dei soggetti a rischio genetico di tumore del pancreas

Un tampone salivare, che studia un pannello di 41 geni di predisposizione, per individuare soggetti ad alto rischio di tumore al pancreas. Nell’Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari è iniziato uno screening genetico sulle prime cinque persone che, tramite l’ambulatorio pancreas dell’istituto, sono state arruolate nel registro IRFARPC, uno studio multicentrico di sorveglianza prospettica dei soggetti a rischio genetico di tumore del pancreas. Non si tratta quindi di uno screening di massa, ma di una analisi mirata verso soggetti con almeno due parenti affetti da cancro del pancreas.

"L’oncologico barese - afferma il direttore generale Alessandro Delle Donne - da un anno aderisce al registro italiano di famiglie a rischio di cancro del pancreas e mette a disposizione consulenze ed esami per la diagnosi precoce. In dodici mesi sono stati 110 gli accessi ambulatoriali, 71 i soggetti arruolati, 25 con mutazioni genetiche, 46 con familiarità per cancro pancreatico, 35 hanno completato lo screening pancreatico con colangio RM e esami ematici. La sorveglianza radiologica è stata effettuata con risonanza magnetica sempre nel nostro istituto, per una presa in carico globale, da radiologi dedicati. Nel 20% dei casi i soggetti  hanno richiesto e fruito di una consulenza psicologica, nel 10% di una valutazione nutrizionale. Ringrazio per questo tutto lo staff dell’ambulatorio pancreas".









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora