martedì 18 giugno 2024

10/10/2011 09:28:01 - Manduria - Appuntamenti

E’ una rassegna musicale di musica femminile contemporanea, ospitata dall’Angelé, storico live club nel centro storico di Manduria

 
Ritorna l’accoppiata Pelagonia Music – Coop. La Orpi per presentare una panoramica dedicata all’affascinante universo musicale femminile.
“Nostre Signore Dei Suoni” è una rassegna in cui la musica è donna, le sue protagoniste sono alcune delle voci più peculiari del nostro paese, che ci propongono diversi stili musicali in una reinterpretazione assolutamente personale.
Le date già confermate sono al momento:
4 novembre 2011: VALENTINA GRAVILI. cantautorato indie-pop da Roma
18 novembre 2011: IOTATOLA, canzoni “all’uncinetto” da Palermo
25 novembre 2011: LIBERA VELO, street folk da Napoli
2 dicembre 2011: MURDER, elettro jazz da Bologna
Mediapartner:
Radio Popolare Salento
L’Angelé è parte del circuito nazionale Keep On – Solo musica dal vivo.
Pelagonia Music è referente Puglia per il circuito Keep On.
 
----------------------------------------------------------------------
 
VALENTINA GRAVILI
 
Sfogliando Il Dizionario dei Cantautori edito da Garzanti, tra un Bindi e un Modugno, un Capossela e una Consoli, troviamo Valentina Gravili, classe 1982. Brindisina di nascita (precisamente di Erchie) e romana d’adozione, pubblica già a 17 anni il suo primo Ep. Nel 2001 vince il Premio Ciampi come miglior debutto discografico con l’album Alle ragazze nulla accade a caso e da lì una carriera piena di gratificazioni. Si esibisce sui palchi dell'Arezzo Wave, del MEI di Faenza, e di altri festival prestigiosi al fianco di artisti del calibro di Suzanne Vega, Cristina Donà, Teresa De Sio, Max Gazzè, Niccolò Fabi, Carmen Consoli, Bandabardò.
La balena nel Tamigi è il secondo album della Gravili, targato 2011, con la produzione artistica di Amerigo Verardi, Max Baldassarre e Silvio Trisciuzzi. Musica pop-psichedelica accattivante, esibita con tocchi ruvidi ma allo stesso tempo leggeri e raffinati. Il tutto impreziosito dalla voce suadente dell’artista che si riconferma in Italia tra le migliori della scena indipendente.
 
IOTATOLA
Iotatòla è un duo “sui generis”, molto originale e tutto da spiegare.
“Iotatòla é un’espressione che abbiamo rubato alla figlia di un amico” – spiegano le artiste – “Quando era piccola e i grandi cercavano di aiutarla a fare le cose, la bimba diceva sempre “io ta tola'”che vuol dire “io da sola”. Abbiamo sposato quest’espressione come forma di emancipazione femminile. Siamo due donne e siamo una band. Facciamo tutto da sole”.
Serena, vocalist, assieme a Simona, strumentista, con il brano Addio, ha entusiasmato la giuria e la platea dell’ultima edizione di Musicultura, vincendola, oltre a ricevere il Premio AFI per il miglior progetto discografico (Divento viola)e venendo definite dagli addetti ai lavori una delle realtà più interessanti della musica italiana.
 
LIBERA VELO
Libera Velo è una cantautrice. Nel 2007 esce il suo primo album Riffa, un cd eclettico proprio come il bagaglio artistico di Libera. Tra le 12 tracce è presente anche Mamma Felicia, canzone dedicata alla madre di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel 1978. Nel giugno 2009 un suo pezzo inedito fa parte della colonna sonora dello spettacolo di danza Made in Naples (della coreografa americana Karole Armitage) presentato in anteprima mondiale al Teatro San Ferdinando di Napoli all’interno della rassegna Napoli Teatro Festival.
Sempre nel 2009, col tour che si arricchisce sempre di nuove date, Libera partecipa ad altre due importanti compilation: This is Naples vol.1 col brano Mi piace il suo vestito che sarà presente sul prossimo disco di Libera; Clowns and Jugglers – A tribute to Syd Barrett col progetto Mad Hatters Project (formato da Libera Velo, Alessandro Belluccio dei Low-fi, e Giuseppe Fontanella e Renato Minale dei 24 Grana, nonché fondatori della Octopus Records).
Dopo una pausa “forzata” (nel 2010 ha avuto una splendida bambina) sta ultimando il suo secondo album, dalle sonorità marcatamente folk, la cui uscita è prevista per il 2012.
 
MURDER
Band sperimentale e collettivo creativo fondato da Sheson Delay e Carlo Marrone. Di origine bolognese Murder intreccia sonorità noise e contaminazioni dance lo-fi con atmosfere noir, fatte di sperimentazione timbrica e uso poco convenzionale degli strumenti.
Nel 2009 la band esordisce con l’Ep Op.1 in Re seguito nel 2010 dall’album Tu M’uccidi; entro il 2011 é prevista invece l’uscita del nuovo lavoro Why?.
Murder approfondisce le proprie tematiche anche attraverso la video arte e la fotografia.
Ha collaborato con la pittrice Ester Grossi per il progetto artistico Funeral e con la visual artist Francesca Anita Modotti, per la quale cura la parte musicale di numerosi video.








img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora