martedě 21 marzo 2023

15/05/2014 07:10:40 - Provincia di Taranto - Cultura

Questa sera la presentazione del libro “Tutte le volte che è nata mia figlia” di Simona Cipollaro

Continua la Settimana contro l’Omofobia, promossa, con il Patrocinio dell'Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Taranto, dall'Associazione Culturale Hermes Academy Onlus - Arcigay Taranto, in collaborazione con Officine Taranto e numerose altre associazioni, dall'11 al 17 maggio, con tre appuntamenti giornalieri in giro per la città: flash mob, cineforum, convegni, mostre, presentazioni di libri, reading e recital teatral/musicali.
Da qualche tempo fa, grazie ai volontari della nostra associazione, Arcigay opera anche sul nostro territorio. È nata Arcigay Taranto e le attività legate al mondo LGBTQI si sono intensificate. Ci è sembrato doveroso arrivare alla celebrazione della Giornata Internazione contro l'Omofobia, il 17 maggio, con maggiore consapevolezza, frutto di un percorso artistico, informativo, formativo, educativo, che dura sette giorni e si svolge nelle piazze, all'interno della nostra sede e di quelle delle associazioni che stanno collaborando con noi, nei centri di aggregazione e nelle scuole.
L'obiettivo principe dell'iniziativa è promuovere l'ascolto e la condivisione delle nostra diversità, non solo legata all'orientamento sessuale, tra amici, in famiglia, a scuola, nei luoghi di lavoro, nell'arte, tra i massmedia.
 
In particolare, giovedì 14 maggio, presso la sede di Officine Taranto, in vai Duomo #170, alle ore 19.00 avrà luogo la presentazione dell'opera edita "Tutte le volte che è nata mia figlia" di Simona Cipollaro, in cui racconta la storia di sua figlia Silvia, 8 anni, trascorsi tra la consueta quotidianità di tutte le bambine, la scuola, gli amici, il pianoforte, i giochi, gli svaghi, e le lunghe, infinite permanenza in ospedale, che si ripetono con una certa frequenza. Silvia è affetta da una rara patologia, atresia delle vie biliari: al momento della nascita il fegato non si è congiunto agli organi interni. Ciò la ha portata a subire, all’età di 8 mesi, un trapianto di fegato. Nel tempo si sono verificate una serie di complicazioni che la portano a ricoveri urgenti e che le renderebbero necessario un secondo trapianto.
Alcuni bambini nascono per insegnare e sono gli ignari predestinati venuti alla luce, per dare a tutti coloro che ruotano intorno a loro, pillole di saggezza e di riflessione. Silvia, anche lei senza averlo scelto autonomamente, è una di questi bambini e sin dalla nascita ha prodotto con le sue sofferenze, l'invasività delle sue cure e la forza per superare queste stesse, è stata un esempio meraviglioso di attaccamento alla vita e alla importanza di questo dono misterioso del quale siamo depositari a tempo determinato. Per far questo Silvia ha scelto per venire al mondo un contenitore molto forte e solido e, l'utero di Simona, sua madre, lo era certamente.
Silvia con la madre Simona e il papà Stefano sono i protagonisti di questa storia, delicatissima, dolorosissima ma bellissima, seppure nella nudità delle sue emozioni terribilmente reali.
Dialogheranno con l'autrice l'attore e scrittore LUIGI PIGNATELLI e MARIA PIA VERNILE, presidente di Centro Universo Autismo.
Simona Cipollaro, nasce a Grottaglie il 21 maggio 1971. Dopo gli studi classici, si appassiona alla letteratura, scrivendo alcuni racconti che però, data la sua natura schiva e riservata, decide di non pubblicare. Grande viaggiatrice, si innamora dell'Irlanda, al punto di dedicarle il suo primo romanzo, Il rumore dei Ricordi, edito da Edizioni Pugliesi. Nel 2004 nasce la sua prima figlia, Silvia. Con Silvia, detta “la leonessa”, bambina di grande sensibilità ed indomabile carattere, il mondo di Simona si apre all'esperienza più dolce per una donna, ma anche a quella più difficile per una mamma: la lotta quotidiana per la sopravvivenza del suo cucciolo, affetto da una rara patologia. Nel 2007 arriva il secondo figlio, Marco, un concentrato di amore e bontà che illumina la sua famiglia. Simona è ancora in prima linea, in una battaglia che nessuno può dire quando e come avrà fine, e mentre il suo secondo libro viene dato alle stampe assiste la figlia durante l'ennesimo ricovero, l'ennesimo esame, l'ennesima speranza. Quando può, vive col marito, i figli e vari animali nelle campagne del tarantino.
L'ingresso è libero e gratuito.








img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora