martedì 25 giugno 2024

04/12/2015 11:03:52 - Provincia di Taranto - Cultura

A seguire Fido Guido in dj set proporrà alcuni brani dello spettacolo

(Ri)parliamo di Taranto. Per la stagione di “Periferie”, sabato 5 dicembrealle ore 21 al TaTÀ di Taranto, in via Grazia Deledda ai Tamburi, debutta la nuova produzione del Crest, Ragazzi di via Pal, di Gaetano Colella e Gabriele Duma, regia Gabriele Duma, con Giuseppe Marzio, Andrea Santoro, Andrea Simonetti, Serena Tondo, scene e immagini Massimo Staich e Francesca Ruggiero, costumi Cristina Bari, musiche originali Fido Guido, videomaker Gianni Giacovelli, Parkour trainer Daniele Ciciriello, disegno luci e tecnico di scena Vito Marra. A seguire Fido Guido in dj set proporrà alcuni brani dello spettacolo. Biglietto intero 15 euro, ridotto (under 30 e over 65) 10 euro. Info: 099.4707948.
Accanto al mitico Ottavo Distretto di Budapest, tra le viuzze strette che lambiscono il vecchio quartiere ebraico, c'è ancora la piccola via Pal: che fu teatro, nella fantasia di Ferenc Molnàr, della più memorabile battaglia tra ragazzini che la letteratura abbia mai raccontato. Infatti, “I ragazzi di via Pal” (1906) è la lotta tra due gruppi di ragazzi per il predominio su un terreno libero per i giochi, attorno a una segheria. Due "eserciti" composti soltanto da generali e ufficiali… Una storia malinconica e poetica, avvincente, che come tutti i grandi libri rimane un classico per i lettori di ogni età. Il Crest contestualizza la storia nel presente urbano di Taranto, grazie ai video di Gianni Giacovelli e alle musiche originali rap-reggae di Fido Guido. E, ancora una volta, produce uno spettacolo che vuol parlare della città e alla città, anche scegliendo di affidare la regia a Gabriele Duma, regista, attore e musicista tarantino, affermatosi da anni nel panorama nazionale, e che torna sempre volentieri a lavorare e a confrontarsi nella sua città natale. Un artista che ha abbracciato con entusiasmo la proposta, quale occasione di confronto e collaborazione con diversi e altri artisti (per il testo, per le musiche, per le scene), mettendo a punto uno spettacolo che vuole parlare a pubblici diversi, a età diverse. Coltivando l’obiettivo che sempre deve e può centrare il buon teatro, ossia creare interesse ed emozioni per tutte le età.
«Per giocare dove non c’è null’altro che la propria presenza e un luogo invaso da dissennate barriere, il Parkour si sviluppa nella periferia metropolitana come modalità di relazione con lo spazio, con gli ostacoli, che diventano veri e propri maestri. Così, per gioco, ciò che prima sembrava squallore e impedimento, nella relazione diventa meraviglia, e l’asperità, conosciuta, rende il luogo unico e desiderabile, scenario di un’appartenenza. Nella condivisione poi, scopri che non sei solo, hai dei fratelli che in quell’apparente nulla, saltano e giocano sullo stesso corpo di città», dalle note di regia.
Lo spettacolo sarà preceduto, alle ore 19 nel foyer del TaTÀ, dalla presentazione del libro fotografico di cyop&kaf “Taranto. Un anno in città vecchia” e del video diario di bordo “Timoni al vento”. Ne discutono con gli autori Angelo Cannata (centro studi Le Sciaje) e lo storico dell’arte Gianluca Marinelli. Modera la giornalista Marina Luzzi.  Ingresso libero.








img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora